/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 29 novembre 2022, 21:59

Inaugurata l'esposizione Celva Pour les femmes

Di Sophie Ducret il manifesto vincitore

Inaugurata l'esposizione Celva Pour les femmes

stata inaugurata oggi, 29 novembre, presso la Cittadella dei Giovani di Aosta, la mostra dei lavori realizzati dagli studenti del Liceo Artistico di Aosta per il progetto “CELVA pour les femmes 2022”, inserito nell’ambito delle iniziative per la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Nelle scorse settimane il CELVA, in collaborazione con l’Associazione Donne latino-americane della Valle d’Aosta “Uniendo Raices” e il Centro Donne Contro la Violenza di Aosta, ha invitato le classi quarte del laboratorio di grafica del Liceo Artistico a riflettere sul tema della violenza contro le donne. Il risultato della riflessione è stato tradotto in immagini da parte dei 52 ragazzi partecipanti, che hanno realizzato 53 manifesti.

Un’apposita commissione ha poi selezionato 24 manifesti che resteranno esposti alla Cittadella dei Giovani di Aosta fino al prossimo 22 dicembre e, a partire dal mese di gennaio 2023, saranno a disposizione dei Comuni andando a costituire una speciale esposizione itinerante sul tema della violenza contro le donne, il cui calendario verrà reso noto nelle prossime settimane.

Il Responsabile politico del CELVA Ronny Borbey, dopo aver ringraziato gli studenti e i professori per la collaborazione e l’entusiasmo nell’adesione al progetto, ha ricordato: “Il coinvolgimento delle giovani generazioni è un primo passo per rafforzare la consapevolezza della gravità di questo drammatico fenomeno. Attraverso la realizzazione di questa esposizione itinerante, che fa seguito al posizionamento delle Panchine Rosse nei Comuni, gli enti locali valdostani vogliono contribuire a stimolare ogni giorno la cittadinanza a riflettere e mantenere alta l’attenzione sul tema.”

Vincitore del concorso grafico è stato il manifesto “La libertà per tutti” di Sophie Ducret, che la commissione ha giudicato l’opera migliore con la motivazione “Una rappresentazione semplice e immediata, anche grazie alla tecnica ad acquerello volutamente imprecisa, della forza e della volontà della donna di liberarsi dai vincoli e dai limiti imposti dalla società e dal pensiero comune. Da rilevare la totale aderenza al tema, esemplarmente interpretato nella rappresentazione di un corpo femminile che si mostra in tutta la sua naturalezza”.

Secondo e terzo classificato sono stati, rispettivamente, “Violenza Specchio”, di Giorgia Pistritto e “Speranza” di Miriam Scano e Francesca Perrin, premiati in occasione dell’inaugurazione odierna.

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore