/ POLITICA

POLITICA | 16 luglio 2022, 20:36

Il convitto non è un doposcuola

COMUNICAZIONE AUTOGESTITA - Area Democratica Gauche Autonomiste, Adu Vda, Movimento 5 Stelle e Rete Civica

Il convitto non è un doposcuola

Le organizzazioni politiche Area Democratica Gauche Autonomiste, Adu Vda, Movimento 5 Stelle e Rete Civica non condividono le parole espresse dall'assessore Caveri in risposta ad una interpellanza presentata dalla capogruppo di PCP, Erika Guichardaz, e discussa nel Consiglio regionale di giovedì 14 luglio 2022, che di fatto relegano il Convitto Federico Chabod a un doposcuola.

L’istituto Convitto Chabod trae origine dallo storico Collège Saint Bénin, culla per secoli della cultura valdostana, ma scuola rivolta a pochi, mentre oggi il Convitto rappresenta un importante riferimento per tutta la comunità valdostana, rispondendo in modo trasversale alle esigenze di tanti studenti indipendentemente dalle disponibilità economiche o capacità scolastiche. Ridurre il Convitto Chabod ad un semplice doposcuola vuol dire non conoscere il ruolo di questa Istituzione educativa.

Escludere dalla possibilità di erogazione dei voucher gli   alunni della scuola primaria vuol dire risparmiare 30.000 euro, ma colpendo le famiglie più fragili e i semi- convittori della scuola primaria che rappresentano il “settore giovanile” dell'istituzione e che hanno contribuito, in questi ultimi 10 anni, a raddoppiare gli iscritti complessivi del Convitto.

La Delibera sul taglio dei voucher, che ha avuto in Commissione il voto favorevole di Lega e FP-PD, ha obbligato il Convitto ad accreditarsi come doposcuola e questo è il fatto più grave. Anni impiegati per arrivare ad essere un'eccellenza che accoglie anche i bambini e ragazzi delle famiglie più bisognose, importanti investimenti, grande fatica e dedizione dei rettori e del personale, una ristrutturazione dello storico Collège Saint-Bénin rischiano di andare in fumo, in nome della razionalizzazione e di una scelta comune al ribasso.

Il Convitto è innanzitutto un’Istituzione educativa in cui l’approccio alla persona è trasversale ad ogni fascia sociale e d'età. La realtà convittuale non si limita, infatti, a garantire l'assistenza, la fornitura di pasti o un ricco programma di attività ludico/sportive, ma concorre a 360° alla crescita dei ragazzi, con personale educativo in grado di occuparsi della presa in carico e della responsabilità dei ragazzi e di relazionarsi, confrontarsi (e laddove necessario intervenire) con le loro famiglie.

In questo senso anche l'eventuale esternalizzazione della cucina ventilata dall'Assessore e le scelte di reclutamento del personale potranno avere conseguenze sulla qualità del servizio.

Sul fronte del reclutamento del personale educativo e equiparazione delle due classi di concorso (L18-L19) si è perso più di un anno e così, anche per il prossimo anno scolastico, chi è in possesso della Laurea in Scienze dell'Educazione non potrà accedere alle graduatorie del personale educativo.  

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore