/ Governo Valdostano

Governo Valdostano | 18 giugno 2021, 14:18

Prosegue la marcia della Valle d'Aosta verso la decarbonizzazione

Le linee guida per la definizione della strategia regionale di decarbonizzazione sono state esaminate nella riunione congiunta della terza Commissione "Assetto del territorio" e della quarta Commissione "Sviluppo economico", che si è svolta ieri, giovedì 17 giugno 2021.

Prosegue la marcia della Valle d'Aosta verso la decarbonizzazione

Era la fine del 2018 quando il Consiglio Valle ufficializò l'aspirazione che la Valle d'Aosta ottenga la certificazione "carbon free" e a diventare "fossil fuel free". Lo fece con un ordine del giorno collegato ai documenti di bilancio della Regione per il triennio 2019-2021 proposto dai gruppi Union Valdôtaine, Union Valdôtaine Progressiste, ALPE, Stella Alpina e Gruppo Misto. "La Regione ha messo in campo significativi investimenti nel settore energetico-ambientale - spiegò l'allora consigliere Joël Farcoz illustrando in aula l'iniziativa - e riteniamo importante proseguire su questa strada implementando gli interventi in questo senso, anche perché è del tutto evidente che lo sviluppo della green economy e una maggiore attenzione ai temi ambientali, soprattutto in questo preciso periodo storico, vadano di pari passo con la crescita economica dei territori".

Oggi l'Assessore allo sviluppo economico, Luigi Bertschy (nella foto), assistito dai dirigenti competenti, ha illustrato la "Roadmap per una Valle d'Aosta Fossil Fuel Free al 2040", approvata dalla Giunta a febbraio scorso, che traccia il percorso di decarbonizzazione del territorio per arrivare a un nuovo modello di sostenibilità ambientale ed energetica.

Il documento presentato dall'Assessore evidenzia come i settori civile e trasporti presentino le più alte emissioni: sarà quindi importante concentrarsi sullo sviluppo di politiche innovative, quali per esempio gli interventi di rigenerazione urbana nell'ambito del patrimonio edilizio, l'estensione della rete di distribuzione del gas metano nelle vallate, il potenziamento del trasporto pubblico locale e l'incentivazione di forme di mobilità sostenibile. Importante sarà il coinvolgimento dei diversi portatori di interesse e dei rappresentanti del tessuto sociale ed economico attraverso un processo partecipativo nella logica di condividere scelte e obiettivi.

ascova/pi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore