/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 25 novembre 2020, 12:38

COMUNICAZIONE POLITICA AUTOGESTITA: Uv, 'tampone obbligatorio per sciare in Valle'

COMUNICAZIONE POLITICA AUTOGESTITA: Uv, 'tampone obbligatorio per sciare in Valle'

Il Comite federal de l’Union Valdotaine

 - Ribadisce l’importanza del settore turistico legato alla pratica dello sci e delle attività sportive invernali che rappresentano la principale fonte di sostentamento per gran parte della popolazione di alta montagna;

 - Prende atto delle recenti dichiarazioni da parte del governo italiano che sarebbe indirizzato a impedire, per tutte le vacanze natalizie, lo svolgimento di tutte le attività nei comprensori sciistici;

- Esprime disappunto per le dichiarazioni salottiere espresse da persone che non conoscendo le realtà di montagna banalizzano le pratiche sportive che vengono considerate sotto l’aspetto ludico senza considerare che migliaia di famiglie vivono esclusivamente di queste attività da cui traggono reddito e dignità; 

- Rileva che il divieto per la pratica dello sci non sarebbe generalizzato ma sarebbe consentito in altre importanti realtà a noi vicine come la Svizzera;

- Considera indispensabile adottare tutte le misure di sicurezza affinché la pandemia Covid venga bloccata, combattuta e vengano curate adeguatamente tutte le persone contagiate;

- Invita il Presidente della Regione, al fine di tutelare il diritto alla salute e il diritto al lavoro, di proporre alla Conferenza delle regioni di valutare, congiuntamente al Protocollo Sicurezza appena approvato, l’introduzione dell’obbligatorietà del tampone per coloro che vogliono accedere agli impianti sciistici o vogliono spostarsi fuori regione anche per un periodo di vacanza. Il tampone dovrà essere recente e, ovviamente, avere una validità limitata ad alcuni giorni. Questa proposta da un lato aiuterà a monitorare l’andamento della pandemia e dall’altro ridurrà drasticamente i rischi di contagio.

 - Richiede di verificare urgentemente la fattibilità di questa proposta in modo da poter organizzare le attività di screening che non dovranno essere a carico del pubblico e sovrapporsi alle attività del servizio sanitario nazionale, valutando la disponibilità di soggetti privati ad effettuare tamponi rapidi in modo affidabile ed economicamente vantaggioso.

info Uv

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore