/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 18 dicembre 2019, 16:06

Elisa Tripodi saprà qualcosa di rock ma nulla di Statuto Speciale (VIDEO)

Il ministro ha fatto sapere che nel corso della prossima settimana sarà insediata la Commissione Partietica che dovrà definire alcune questioni nei rapporti tra Stato e Regione

L'on. Elisa Tripodi

L'on. Elisa Tripodi

"L'ipotesi di scioglimento del consiglio regionale per la Valle d'Aosta sono previste dall'articolo 48 dello statuto di autonomia della Regione". Lo ha detto il ministro agli affari regionali Francesco Boccia al question time alla Camera rispondendo sull'eventuale scioglimento del consiglio della Valle d'Aosta dopo la recente bufera giudiziaria. "Il consiglio resta in carica nel pieno dei poteri", ha spiegato Boccia spiegandone i presupposti normativi. "Le vicende evocate, riferite ad esponenti politici di organi elettivi della Regione, al momento non integrano i presupposti di fatto o di diritto previsti dall'articolo 48, poiché da quanto abbiamo appreso sembrano ancora oggetto di indagini. Va inoltre rilevato che gli indagati Fosson, Borrello, Vierin e Bianchi hanno già rassegnato le dimissioni, di cui il medesimo consiglio ha preso atto.

Il Ministro Boccia nel corso della lezione di Statuto Speciale alla signora Tripodi

Nella medesima seduta il consiglio ha dato atto che la presidenza della giunta è stata assunta dal vicepresidente Renzo Testolin che ha assunto anche ad interim le cariche assessorili assicurando l'ordinaria amministrazione fino all'elezione del prossimo presidente della giunta. Si rammenta che il temine massimo per l'esercizio di ordinaria da parte della giunta è di 60 giunta decorsi i quali si verificherà ex legge lo scioglimento funzionale del consiglio regionale dove non siano eletti il nuovo presidente regione e la nuova giunta", ha spiegato Boccia. (ANSA).

Fino  qui il lancio Ansa.

Se invece di dedicarsi alla musica, seppur a fin di bene, l’onorevole Elisa Tripodi, dei 5 stelle, mandata a Roma per tutelare l’autonomia valdostana ha dimostrato grandi carenze nella conoscenza dello Statuto Speciale. La notevole ignoranza in materia le è costata una bella bacchettata e bocciatura in diritto costituzionale dal Ministro per gli affari regionali, Francesco Boccia che si è visto costretto a far ripassare l’articolo 48 dello Statuto Speciale ed i collegati costituzionali.

L'onorevole cantante rock che si esibisce nel cd Onorevole Natale, ha davvero fatto una magra figura. Ha letto la paginetta alla quale il Ministro ha avuto buon gioco rispondere per le lacune di conoscenze in materia evidenziate dall’onorevole.

Ma l’interrogazione non è stata inutile, infatti il ministro ha fatto sapere che nel corso della prossima settimana sarà insediata la Commissione Paritetica che dovrà definire alcune questioni nei rapporti tra Stato e Regione. Ed è la Commissione paritetica che può elaborare un testo per la separazione delle funzioni di Prefetto dal quella di Presidente della Regione.

Evidentemente la magra rimediata in Parlamento dall’onorevole Elisa Tripodi è da imputare anche al tempo dedicato per la registrazione del cd Onorevole Natale un brano e un video, rigorosamente bipartisan, da oggi disponibili in rete e su Cd. Autore.

Protagonisti, parlamentari di maggioranza e opposizione, uniti nella solidarietà per un testo inedito – 'Onorevole Natale' - i cui ricavati di tutti i diritti andranno in beneficienza all’associazione Lega del Filo d’oro, che da oltre 50 anni si occupa di assistenza, riabilitazione e reinserimento di persone sordocieche e pluriminorate. L'iniziativa è nata da un'idea di Francesco Paolo Sisto, deputato di Forza Italia di lungo corso e pianista rochetara istituzionale Onorevole Natale sarà una brava” per beneficenza. Vi hanno partecipato, oltre a Sisto, Maria Teresa Bellucci, Ylenja Lucaselli e Walter Rizzetto di FdI, Maurizio Buccarella del Gruppo misto, gli azzurri Mauro D’Attis e Giorgio Mulè, Francesca Galizia, Patty L’Abbate ed Elisa Tripodi del M5s e Carmelo Miceli del Pd.

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore