/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 21 novembre 2019, 11:24

In Italia le sardine contro Salvini, ad Aosta i lupi contro Chatrian

In Italia le sardine contro Salvini, ad Aosta i lupi contro Chatrian

"Chatrian ascolta la voce del lupo", "No al bracconaggio, il lupo è una specie protetta". Sono alcuni degli slogan urlati da un centinaio di persone, per lo più membri di associazioni animaliste, che nel tardo pomeriggio di ieri con maschere da lupo, mantelli da Cappuccetto rosso e accompagnati da cani di razza lupoide hanno dato vita a un raduno spontaneo di protesta all'ingresso del Palazzo regionale ad Aosta. L'iniziativa è contro il disegno di legge proposto dall'assessore regionale all'Ambiente, Albert Chatrian, con cui la Regione punta a regolare l'autorizzazione del prelievo, cattura ed eventuale uccisione del lupo, subordinatamente al parere preventivo dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

"Chiediamo al Consiglio Valle di mettere in atto tutte le strategie richieste dall'Ispra affinché gli allevatori possano proteggere le proprie greggi e attuare una coesistenza con il lupo", ha detto  Sandra Migliaccio, delegata per la Valle d'Aosta dell'Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa). "Una legge per l'abbattimento - prosegue - ci sembra completamente fuori luogo: la Regione a inizio anno, aderendo al progetto Life Wolfalps, ha avuto circa 500 mila euro per attuare strategie per la salvaguardia del lupo, che ad oggi non sono ancora state messe in atto del tutto".

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore