/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 28 luglio 2022, 13:37

Il Consiglio regionale destina quasi 124 mln per spese di investimento

Approvato l'assestamento al bilancio 2022 della Regione Il disegno di legge contiene anche la seconda variazione al bilancio 2022-2024

Il Consiglio regionale destina quasi 124 mln per spese di investimento

Al termine della seduta mattutina del 28 luglio 2022, il Consiglio Valle ha approvato, con 18 voti a favore (UV, AV-VdAU, FP-PD, SA, GM) e 17 astenuti (Lega VdA, PlA, PCP, FI), l'assestamento al bilancio di previsione della Regione per il 2022 e secondo provvedimento di variazione al bilancio 2022-2024.

Sul disegno di legge sono stati recepiti nove emendamenti della seconda Commissione, mentre sono stati respinti i due emendamenti congiunti dei gruppi Lega Vallée d'Aoste, Pour l'Autonomie e Forza Italia depositati in Aula per l'introduzione del chèque energie.

Il disegno di legge, depositato il 12 luglio dal Governo regionale e composto di settantotto articoli, è suddiviso in due parti: la prima parte riguarda l'assestamento al bilancio 2022 con la quale viene destinata l'intera quota disponibile dell'avanzo di amministrazione 2021 pari a 113 milioni 123mila 916 euro per spese di investimento; la seconda parte è costituita da una variazione al bilancio 2022-2024 che prevede l’iscrizione di maggiori entrate per complessivi 78 milioni di euro, di cui 18 milioni per il 2022 derivanti dalla nuova tassazione in capo ai produttori di energia elettrica e 60 milioni sul prossimo triennio derivanti dalla distribuzione degli utili 2021 della società CVA.

Ordini del giorno

L'Aula ha anche esaminato undici ordini del giorno collegati al provvedimento, di cui uno accolto.

È stato approvato all'unanimità l'ordine del giorno del gruppo Progetto Civico Progressista che impegna il Governo regionale a completare l'iter di ampliamento del Parco regionale del Mont Avic prevedendo nel bilancio di previsione 2023-2025 adeguate risorse per coprirne gli oneri.

Sono stati invece respinti un ordine del giorno congiunto dei gruppi Lega VdA, PlA e FI che chiedeva un accertamento dei residui volto a reperire risorse per formulare una nuova misura per sostenere le famiglie.

Respinti anche due ordini del giorno del gruppo PCP: il primo in materia di accumuli d'acqua ad uso agricolo; il secondo sulla promozione di attività di avvicinamento alla montagna per gli alunni valdostani.

L'Assemblea ha poi respinto 3 ordini del giorno del gruppo PlA: il primo riguardante l'avvio delle procedure di reclutamento del personale degli Uffici stampa; il secondo sul conferimento di rifiuti nel centro di Brissogne da parte delle imprese private; il terzo per relazionare alla terza Commissione sulla situazione degli allevatori valdostani insieme alle associazioni di categoria.

Respinti anche due ordini del giorno congiunti di Lega VdA e FI: il primo riguardante l'ampliamento dell'offerta formativa dell'Institut Agricole Régional con corsi abilitanti; il secondo riguardante il debellamento della processionaria del pino.

Sono stati invece ritirati dai proponenti due ordini del giorno congiunti dei gruppi Lega VdA e FI: il primo riguardante l'indennità Covid-19 per i lavoratori della Casa di riposo J.B. Festaz e il secondo volto ad inserire nel progetto "Sci…volare a scuola" anche la disciplina dello sci alpinismo a seguito dell'impegno degli Assessori competenti ad occuparsi della tematica.

redix

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore