/ INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ

INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | 22 luglio 2021, 07:41

Aumentati in Valle i 'nuovi poveri' e senza tetto a causa della pandemia

Aumentati in Valle i 'nuovi poveri' e senza tetto a causa della pandemia

"Rispetto al 2020, è emerso un aumento di almeno un terzo dei nuclei beneficiari di pacchi alimentari, per un totale di circa mille fruitori, di cui il 63% appartenenti a famiglie con tre o più componenti; più della metà dei fruitori minorenni".

Lo ha reso noto l'assessore regionale alla Sanità e Politiche sociali, Roberto Barmasse, rispondendo a un'interpellanza della Lega VdA volta ad approfondire una procedura di coprogettazione avviata dalla Giunta per intervenire sulla crescente difficoltà di mantenere una collocazione abitativa da parte dei nuclei famigliari in condizione di povertà e marginalità.

La mappatura è stata effettuata tramite i dati raccolti dal Servizio di sportello sociale, dal Servizio sociale territoriale e dalle associazioni di volontariato. Da questa attività, tuttora in corso e in aggiornamento, sono emersi l'aumento dei nuclei familiari che si rivolgono per la prima volta per un sostegno per far fronte ai bisogni primari legati a problematiche economiche, abitative e lavorative; l'aumento di situazioni che richiedono interventi contro la povertà e interventi sociali urgenti; nuove richieste di aiuto da famiglie sconosciute prima della pandemia, in particolare relative al soddisfacimento dei bisogni primari.

Altra fonte di rilevazione dati è rappresentata dalla rete di collaborazione tra servizi sociali, enti locali, il terzo settore e singoli cittadini per la raccolta e distribuzione di generi alimentari: fonti dalle quali è emerso chiaramente l'aumento dei 'nuovi poveri' quasi tutti a causa della crisi economica derivata dalla pandemia Covid.

"Al momento sono già state individuate alcune fasce - ha spiegato Barmasse - famiglie con minori, nuclei in condizione di marginalità estrema, migranti, nuclei a rischio di marginalità per condizioni lavorative precarie per cui l'attuale sistema di aiuti regionali non offre adeguate risposte".

 

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore