/ Salute in Valle d'Aosta

Salute in Valle d'Aosta | 04 giugno 2024, 12:34

Nuovo Piano operativo annuale (POA) per il 2024

Carlo Marzi 'spinge per una rete epidemiologica integrata in Valle d'Aosta'

Carlo Marzi

Carlo Marzi

La Giunta regionale della Valle d'Aosta ha fatto un significativo passo avanti approvando il Piano operativo annuale (POA) per il 2024. Si tratta di uno strumento, cruciale per l'attuazione delle politiche socio-sanitarie, traduce in azioni concrete le linee guida del Piano per la Salute e il Benessere Sociale (PSBS), che è il principale documento di programmazione del settore.Il POA 2024 è strutturato in schede dettagliate, che delineano le azioni da realizzare, i destinatari, gli indicatori per misurare i risultati attesi e le risorse assegnate.

Questo approccio permette di avere una visione chiara e precisa delle iniziative da intraprendere nei diversi ambiti di intervento, garantendo trasparenza e responsabilità nell'uso delle risorse pubbliche.Tra le iniziative più rilevanti, spicca l'approvazione di uno studio di fattibilità per la creazione di una funzione integrata di epidemiologia in Valle d'Aosta.

La decisione risponde alla crescente necessità di un sistema informativo regionale che sia efficiente e capace di sostenere la governance sanitaria con dati precisi e aggiornati.

iL'assessore regionale alla Sanità, Carlo Marzi, ha svolto un ruolo centrale in questa iniziativa. La sua leadership e visione sono stati determinanti per l'approvazione del piano e per l'avvio dello studio di fattibilità per la rete di epidemiologia. Infatti Marzi sottolinea l'importanza di un sistema epidemiologico integrato, capace di operare su due livelli: regionale e aziendale.

Questo consentirà di monitorare la salute della popolazione in modo più efficiente e di rispondere tempestivamente alle emergenze sanitarie.

"La creazione di una rete epidemiologica integrata - ha commentato l'Assessore - rappresenta un passo fondamentale per migliorare la gestione sanitaria nella nostra regione. Questo sistema ci permetterà di avere dati più accurati e di prendere decisioni basate su evidenze solide, migliorando così la qualità dei servizi offerti ai cittadini".

L'Impatto della Rete EpidemiologicaLa futura rete epidemiologica avrà il compito di:Monitorare la salute della popolazione.

Rilevare precocemente eventuali emergenze sanitarie.Pianificare interventi mirati.

Valutare l'efficacia delle politiche sanitarie.

L'iniziativa guidata politicamente da Carlo Marzi non solo migliorerà la capacità di risposta sanitaria della Valle d'Aosta, ma rappresenta anche un modello di innovazione e lungimiranza che potrebbe essere seguito da altre regioni.

L'aapprovazione del POA 2024 e l'avvio dello studio di fattibilità per la rete di epidemiologia testimoniano "l'impegno della Giunta regionale e dell'assessore Marzi nel rafforzare il sistema sanitario valdostano, mettendo al centro il benessere e la sicurezza dei cittadini".

xy

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore