/ ATTUALITÀ POLITICA

ATTUALITÀ POLITICA | 27 febbraio 2024, 12:41

LEZIONI IN LINGUA SARDA

COMUNICAZIONE AUTOGESTITA RETE CIVICA - EUROPA VERDE VDA

LEZIONI IN LINGUA SARDA

Le elezioni regionali in Sardegna contengono degli importanti messaggi.

La sconfitta di Giorgia Meloni e del centrodestra è clamorosa. Erano ampiamente favoriti, erano al Governo della Regione, ma hanno perso.

Ancora una volta abbiamo avuto la conferma che il campo progressista se è unito ottiene un forte consenso dagli elettori. Lo si è visto con queste elezioni in Sardegna e lo avevamo visto anche in Valle d'Aosta alle elezioni regionali e del Comune di Aosta nell'autunno del 2020, con il bel risultato di Progetto Civico Progressista voluto con determinazione da Rete Civica e dai Verdi. Gli elettori vogliono unità dei progressisti, contenuti chiari e qualificati e, soprattutto, persone affidabili che rispettino con lealtà e coerenza i programmi con cui si sono presentati agli elettori. Il successo della coalizione sarda deriva proprio da questo: unità dei progressisti e una candidata affidabile con una buona esperienza di governo, come la Todde. Felicitazioni e auguri quindi ad Alessandra Todde, prima donna Presidente della Sardegna.

Siamo anche soddisfati dal buon risultato di AVS, l'Alleanza Verdi/Sinistra che elegge 4 consiglieri regionali. Non era facile e si trattava della prima verifica importante di AVS alle elezioni regionali, ed il risultato è stato positivo.

Da rimarcare anche la sconfitta del Partito Sardo d'Azione, pallida ombra di quello che era un glorioso partito autonomista. Il PsdAz era al governo della Regione, ne esprimeva il Presidente ed ora c 'è il tracollo. Allearsi con la destra non giova agli autonomisti, ma non giova neppure rimanere opportunisticamente incerti fra destra e sinistra. Anche in Valle d'Aosta il “ni droite ni gauche” dell'Uv l'ha portata a ridursi ad un movimento privo di contenuti e di programmi che non siano la gestione del potere regionale. Non riescono neanche a fare la tanto strombazzata Réunion ed ora immaginano persino di non presentare dei candidati alle elezioni europee perché non hanno il coraggio di decidere con chi apparentarsi.

Il vento che soffia dalla Sardegna ci dice che "si può fare", che una alternativa al centro destra si può costruire. Rete Civica e Europa Verde in Valle d'Aosta ci stanno provando.

Rete civica e Europas Verde Vda

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore