/ Salute in Valle d'Aosta

Salute in Valle d'Aosta | 29 novembre 2023, 22:06

DAL 4 DICEMBRE NUOVO AMBULATORIO DEDICATO AI FAMIGLIARI DEI PAZIENTI PSICHIATRICI

Non si tratta del classico colloquio sull'andamento del ricovero del paziente (per cui c'è già una procedura in atto), ma una presa in carico con supporto psicologico dove le persone verranno aiutate a potenziare le loro risorse psicologiche, a sviluppare nuove strategie per fronteggiare il percorso terapeutico e integrare l’esperienza di malattia dei loro cari nel percorso esistenziale. Tutto questo con le massime tutele di privacy, fiducia e trasparenza”

Il medico Anselmo Fosson

Il medico Anselmo Fosson

Dal 4 dicembre il Dipartimento di Salute mentale aprirà, nella Struttura di Psichiatria in via St-Martin-de-Corléans 248 (ex maternità) il nuovo ambulatorio dedicato ai famigliari dei pazienti psichiatrici, attivo ogni mercoledì dalle ore 08.15 alle 14:00 con colloqui da 45 minuti.

“Forniremo un supporto multiprofessionale a chi si prende cura dei pazienti psichiatrici, quelle famiglie e caregiver molto spesso sottoposti a stress e pressioni molto forti, che impattano in modo consistente sulla vita quotidiana – spiega la dott.ssa Anna Maria Beoni, Direttore del Dipartimento e della struttura complessa di Psichiatria -. Non si tratta del classico colloquio sull'andamento del ricovero del paziente (per cui c'è già una procedura in atto), ma una presa in carico con supporto psicologico dove le persone verranno aiutate a potenziare le loro risorse psicologiche, a sviluppare nuove strategie per fronteggiare il percorso terapeutico e integrare l’esperienza di malattia dei loro cari nel percorso esistenziale. Tutto questo con le massime tutele di privacy, fiducia e trasparenza”.

Il coordinamento è in capo al dott. Anselmo Fosson, psicologo e psicoterapeuta (la sede sarà il suo ufficio). Il servizio coinvolge un’équipe DSM formata anche da educatori e infermieri (a seconda del bisogno rilevato) e all’occorrenza sarà attivata la consulenza dell’Assistente sociale e delle Associazioni di volontariato convenzionate con il DSM in un’ottica di impiego dei pari per esperienza.

Si specifica che l'invio potrà essere deciso esclusivamente dai sanitari onde evitare accessi impropri. Pertanto gli addetti alla valutazione di tale necessità saranno gli infermieri Primary del paziente, gli infermieri/educatori case manager del territorio e del DH/ambulatorio, i medici del reparto o gli psichiatri territoriali, la psicologa della degenza e lo stesso Dott. Fosson.

Il primo accesso, condotto dal dott. Fosson, servirà come triage per capire l'effettiva necessità della persona e deciderne l'iter in base al bisogno emerso.

Il progetto rientra negli obiettivi di favorire una dimissione protetta del paziente psichiatrico che, sempre di più, necessita dello sviluppo di una rete territoriale di sostegno a partire da chi si prende cura dello stesso a domicilio, anche in ottemperanza alla Legge regionale 72/2022 e al Piano regionale della salute e del benessere.

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore