/ CULTURA

CULTURA | 28 novembre 2023, 15:00

Il significato delle rappresentazioni storiche del Comitato I Conti di Chatillon & Seguito

I personaggi interpretati sono frutto di approfondite ricerche storiche, e la loro presenza non si limita a eventi celebrativi o manifestazioni medievali

Nella foto, il direttivo del Comitato comprende Anna Maria Crotta, Gennaro Antonelli, Tiziana Minuzzo, Edy Betemps (Presidente), Miriam Controsicami e Savino Pier Prelle

Nella foto, il direttivo del Comitato comprende Anna Maria Crotta, Gennaro Antonelli, Tiziana Minuzzo, Edy Betemps (Presidente), Miriam Controsicami e Savino Pier Prelle

Il territorio della Valle d'Aosta è intriso di una ricchezza storica inestimabile, caratterizzata da strutture millenarie e ambienti di profondo significato culturale. Da diversi anni a Chatillon, si distingue un'organizzazione di volontariato, il "Comitato I Conti di Chatillon & Seguito", impegnato nel ripercorrere la storia della signoria dei Challant, nobile famiglia originaria di Chatillon, attraverso le figure di Pierre I Perronet impersonato da Edy Betemps e Marguerite Crevron/Villette impersonato da Tiziana Minuzzo e il suo seguito.

Questa rappresentanza storica si impegna attivamente nello sviluppo sociale, culturale, nell'approfondimento dell'arte e nella comprensione delle evoluzioni storiche di Chatillon e dei suoi dintorni. Il gruppo non solo incarna fedelmente personaggi storici, ma partecipa a numerose iniziative, rappresentando l'importanza delle concessioni date a Chatillon il 30 gennaio e valorizzate attorno al 29 giugno, giorno dedicato al santo Patrono.

I personaggi interpretati sono frutto di approfondite ricerche storiche, e la loro presenza non si limita a eventi celebrativi o manifestazioni medievali. Essi visitano case di cura, partecipano a scuole e scambi culturali, intervengono in manifestazioni medioevali, sagre, competizioni sportive e in premiazioni di vario genere, sia di natura religiosa che civile.

Le attività svolte dal Comitato I Conti di Chatillon & Seguito sono facilmente seguibili attraverso la pagina Facebook o il canale WhatsApp, offrendo un'opportunità unica per esplorare la storia e la cultura di questa regione attraverso uno sguardo autentico e coinvolgente.

pi/fp

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore