/ Aosta Capitale

Aosta Capitale | 24 maggio 2023, 13:17

Aosta: Consiglio comunale destina quattro milioni al Quartiere Cogne

Astenuti o contrari i consiglieri di minoranza

Josette Borre, vice sindaco assessora alle Finanze

Josette Borre, vice sindaco assessora alle Finanze

Quattro milioni di euro in più per la riqualificazione del quartiere Cogne, oggetto del Programma per la qualità dell'abitare del Pnrr, che serviranno per l'aumento del costo dell'abbattimento dei due "grattacieli" e per altre opere nel quartiere, pescati dall'avanzo di amministrazione. È la cifra più cospicua di una variazione al bilancio di previsione 2023, approvata dal Consiglio comunale di Aosta questa mattina, con 17 voti favorevoli, sette astensioni e un voto contrario.

Tra le varie voci della variazione, ci sono anche la riduzione di 220.000 euro degli stanziamenti di spesa relativi alle utenze per la fornitura di energia elettrica di stabili di proprietà comunale o in gestione, di impianti di illuminazione pubblica e degli impianti sportivi e uno stanziamento di 122.000 euro per l'erogazione di contributi dovuti al caro energia a favore dei gestori degli impianti sportivi comunali. Quest'ultima voce "cade in questa variazione- spiega la vicesindaca Josette Borre- perché era necessario creare un capitolo apposito, che prima non esisteva, affinché l'operazione andasse a buon fine". E aggiunge: "La misura riguarda quegli impianti che da contratto prevedevano un contributo relativo ad un'extra soglia, relativa alle utenze e alle spese come l'energia eletttrica, che non è mai sta superata prima di quest'anno e con gli uffici ci si è messi a tavolino per capire che cosa gli si potesse riconoscere. Questa è solo la preparazione tecnica affinché poi si possa portare avanti una delibera di giunta per venire incontro alle maggiori spese sostenute dai gestori degli impianti sportivi".

Il gruppo Forza Italia annuncia l'astensione, mentre il consigliere della Lega Bruno Giordano, a differenza del suo gruppo che si astiene, vota contro: "Da un lato si cerca di andare incontro alle aumentate spese dei gestori delle strutture sportive, dall'altra si toglie, dopo averlo tolto per due anni per la gestione della pandemia, al mondo dello sport un palazzetto importante come il Palaindoor per andare a effettuare da lunedì l'inizio di un concorso pubblico regionale che avrà uno svolgimento molto articolato e complesso. Io non sono d'accordo personalmente con questa scelta e voterò contro".

fonte ag. Dire

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore