/ CRONACA

CRONACA | 14 settembre 2022, 10:00

Si fa presto dire sposiamoci, ma un matrimonio quanto costa?

Il costo medio di un matrimonio in Italia è di 24.500 euro. La pandemia ha fatto salire i prezzi

Si fa presto dire sposiamoci, ma un matrimonio quanto costa?

Settembre è mese di nozze. Ma dopo la pandemia, dopo l’estate, dopo una serie di preparativi che possono essere brevi o infiniti, quanto costa sposarsi in Italia oggi? Certo, molto dipende dal tipo di nozze che si sceglie, dalla cerimonia, da mille fattori compreso il non indifferente numero di invitati.

Ma in media gli italiani mettono in conto un budget che oscilla fra i 15 mila e i 25 mila euro per sposarsi, un dato che non è cambiato più di tanto prima e dopo la pandemia. I numeri sono del Libro Bianco del Matrimonio, per il quale era di 23.970 euro era il costo medio delle nozze in Italia prima del COVID-19.

Un sondaggio di Matrimonio.com conferma il dato: le coppie 2021 hanno speso tra i 15.000€ e i 25.000€. Le prime tre voci di spesa, quelle per le quali si spende di più, sono location e catering (collegati al numero di invitati), fotografo e abito da sposa. Per quasi la metà degli intervistati dal portale, il budget delle nozze è un tema esclusivo della coppia, che lo gestisce in autonomia.

Prima del Covid, secondo il Libro Bianco del Matrimonio, pubblicato da Matrimonio.com in collaborazione con Google ed ESADE Business School, il costo medio del matrimonio in Italia era di poco inferiore a 24 mila euro (dati di gennaio 2020). Con una certa divisione territoriale. La media era infatti di circa 22 mila euro al Nord, di 27 mila euro al Centro e di 30 mila euro al Sud, dove il costo per invitato è minore ma il numero di invitati maggiore.

La spesa media per invitato si aggirava (e il dato è analogo a oggi) intorno ai 223 euro. Secondo un sondaggio di Matrimonio.com a coppie con data di nozze 2021 (con oltre 3500 risposte) non ci sono stati grandi cambiamenti, anche se nel 2021 qualche limitazione potrebbe aver inciso. In ogni caso, quasi un terzo (31%) degli intervistati ha speso fra i 15.000 e i 25.000, dato in linea con quanto riportato dai dati pre-pandemia del Libro Bianco del Matrimonio. L’11% ha dichiarato di aver speso fino a 30.000 euro. La maggioranza dei futuri sposi (59%) ha speso più o meno la cifra prevista, senza sorprese. Le voci di spesa maggiori vedono, al primo posto, location e catering. Nel dettaglio, il 38% degli intervistati da Matrimonio.com dichiara di aver speso tra i 100-150 euro a invitato per il servizio catering.

Se si calcola che il numero medio di invitati ad un matrimonio in Italia è di 114, la cifra totale del catering si aggirerebbe intorno a 11.400 – 17.100 euro. La seconda voce di spesa è il fotografo. Il 90% delle coppie si affida a un professionista. Il 31% spende tra i 2.000 e i 3.000 euro; il 20% tra i 1.500 e i 2.000 euro.

Le future spose non scendono a compromessi sull’abito. E così, secondo il sondaggio di Matrimonio.com, il 32% delle coppie dichiara di aver speso tra 2.000 e 3.000 euro per il proprio vestito da sposa.

Il 18% delle spose arriva ad investire tra i 3.000 e i 5.000 euro. Circa il 4% dichiara di aver addirittura speso più di 5.000 euro.

Per il 46% degli sposi, il budget delle nozze è un tema esclusivo della coppia, che lo definisce e lo gestisce in totale autonomia. In linea generale gli sposi preferiscono non indebitarsi e contano sulle proprie risorse per organizzare il matrimonio.

Come hanno finanziato le nozze i futuri sposi? Le risposte più indicate (anche multiple) sono i risparmi personali, da conto risparmio o conto corrente propri (53%), l’aiuto da parte di genitori e/o parenti (19%), i regali degli invitati (48%) e la richiesta di un prestito (che si ferma al 5%).

Bruno Albertinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore