/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 26 gennaio 2022, 12:00

I complimenti del presidente agli undici atleti valdostani convocati per i Giochi olimpici di Pechino

Bertin ha anche riferito che sono state depositate alla Presidenza del Consiglio le firme per la proposta di legge per la modifica delle norme per l’elezione del Consiglio regionale della Valle d’Aosta

Sede del Consiglio regionale

Sede del Consiglio regionale

Il presidente Alberto Bertin, nelle sue comunicazioni al Consiglio del 26 gennaio, s'è complimentato con gli undici atleti valdostani convocati per i Giochi olimpici invernali di Pechino in programma dal 4 febbraio prossimo. A Federica Brignone, Federico Pellegrino, Francesco De Fabiani, Greta Laurent, Karen e Mark Chanloung, Francesca Gallina, Lorenzo Sommariva, Michela Carrara, Samuela Comola e Didier Bionaz vanno gli auguri del Consiglio regionale.

Il presidente ha anche riferito che nella giornata di ieri sono state depositate alla Presidenza del Consiglio le firme per avviare la procedura della proposta di legge d'iniziativa popolare da sottoporre a referendum propositivo riguardante la modifica delle norme per l’elezione del Consiglio regionale della Valle d’Aosta (legge regionale n. 3/1993).

Entro il 9 febbraio si concluderanno le verifiche da parte del Segretario generale dell'Assemblea in merito alla regolarità delle firme presentate a supporto dell'iniziativa (in questa prima fase erano necessarie tra le 200 e le 300 firme). In caso di esito positivo, la proposta di legge sarà inviata al Presidente della Regione per la pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione oltre che alla Commissione procedimenti referendari - nominata dal Consiglio regionale a gennaio 2021 e composta dai professori Raffaele Caterina, Elisabetta Palici Di Suni Prat e Francesco Dassano quali membri effettivi oltre che dagli avvocati Giuseppe Gallenca e Antonella Lauria e dal professore Eugenio Dalmotto in qualità di membri supplenti. Entro 45 giorni dalla pubblicazione del testo sul BUR, la Commissione dovrà deliberare l'ammissibilità o meno dell'iniziativa. Una volta deliberata l'ammissibilità, i proponenti potranno procedere alla raccolta delle firme per la presentazione al Consiglio della proposta di legge (che devono essere pari al 5% degli elettori della regione al 31 dicembre 2021 e sono da raccogliere in tre mesi).

Dopo il deposito delle firme da parte dei proponenti e la verifica delle stesse da parte della Segreteria generale, inizia l'iter legislativo vero e proprio in Consiglio, con l'assegnazione alle Commissioni consiliari competenti e il successivo esame in Aula. Qualora il Consiglio Valle non approvi la proposta di legge nel suo complesso o non recepisca i principi ispiratori dell'iniziativa, la proposta di legge di iniziativa popolare viene sottoposta a referendum propositivo: se viene raggiunto il quorum del 50% del numero dei votanti alle ultime elezioni regionali precedenti al referendum e vi è la maggioranza dei voti validi, la legge entra in vigore.

info Conseil

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore