/ Salute in Valle d'Aosta

Salute in Valle d'Aosta | 02 novembre 2021, 21:10

Tutela utenti Usl per ridurre tempi di attesa visite ed esami diagnostici

Dovrà essere anche ampliata la capacità di offerta di specialisti e di prestazioni, stipulando nuovi accordi con strutture private accreditate

La sede della Usl VdA

La sede della Usl VdA

Anche 250 giorni possono trascorrere prima di poter effettuare un esame diagnostico in Valle d'Aosta.

La sospensione delle visite specialistiche durante la fase acuta della pandemia Covid, unita all'impiego di personale nelle attività aggiuntive di vaccinazione e somministrazione dei tamponi e alla grave carenza di alcune figure professionali di cui il nostro sistema sanitario soffre, ha comportato un allungamento delle liste d'attesa per alcune prestazioni sanitarie.

Per questa ragione, i cittadini che non vedono assegnarsi la prenotazione di una prima visita specialistica o di un primo esame diagnostico entro i tempi massimi prestabiliti dal medico in fase di prescrizione (30 giorni per la visita e 60 giorni per gli esami diagnostici) possono ricorrere ai Percorsi di tutela, che consentono loro di avvalersi di liberi professionisti, pagando esclusivamente il ticket come se si trattasse di un visita erogata dal sistema sanitario regionale. Il diritto ad ottenere il Percorso di tutela è riconosciuto solo nei casi di prime visite o di primi esami diagnostici strumentali.

La Usl VdA, in sinergia con l'assessorato alla Sanità, è anche al lavoro per ampliare la capacità di offerta di specialisti e di prestazioni, stipulando nuovi accordi con strutture private accreditate di Ivrea che potrebbero meglio soddisfare le esigenze dei residenti nella bassa Valle.

"In accordo con l'azienda Usl ci siamo attivati affinché i percorsi di tutela possano rappresentare un percorso utile a superare le criticità", afferma l'assessore alla Sanità, Roberto Barmasse. "È bene agire su più fattori per migliorare il servizio sia dal lato dei servizi sia dal lato dei cittadini- aggiunge- e malgrado le difficoltà oggettive di questo periodo c'è la volontà di intervenire là dove è possibile per fornire un servizio che sia il più soddisfacente e che incontri i bisogni delle persone". Maggiori informazioni sul sito dell'Usl della Valle d'Aosta, alla voce "tempi di attesa prime visite ed esami strumentali".

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore