/ CRONACA

CRONACA | 08 ottobre 2021, 14:06

Cresce l'efficienza di Poste Italiane con il centro di Saint Vincent

Con l’unificazione in una unica sede del CDD di Verres presso il Centro di Distribuzione di Saint Vincent situato in Via Ponte Romano 228, Poste Italiane continua ad efficentare i nuovi impianti e prosegue l’opera di ampliamento e di trasformazione della rete logistica

Cresce l'efficienza di Poste Italiane con il centro di Saint Vincent

Con l’unificazione in una unica sede del CDD di Verres presso il Centro di Distribuzione di Saint Vincent situato in Via Ponte Romano 228, Poste Italiane continua ad efficentare i nuovi impianti e prosegue l’opera di ampliamento e di trasformazione della rete logistica.

Il nuovo Centro sostiene la strategia di Poste Italiane di crescita nella logistica legata agli acquisti online, nella rinnovata missione dell’Azienda di vicinanza al territorio ed è funzionale all’avvio del nuovo modello di recapito “Joint Delivery” che, grazie all’introduzione della linea business, prevede la consegna dei pacchi e dei prodotti e-commerce in fasce orarie estese fino alle 19.45 e durante i fine settimana.

Nel Centro di Saint Vincent, sono impiegate quotidianamente 42 persone con volumi annui pari a 950mila di invii tra corrispondenza “ordinaria”, posta a firma e pacchi destinati al comprensorio Saint Vincent: Abitanti serviti 88.507, totale civici 30654 totale abitazioni 26120 negozi 1182, uffici 893 altro (attività commerciali e ditte) 2459.

Con l'avvento della tecnologia in un mondo sempre più informatizzato i portalettere, grazie al palmare in dotazione, possono effettuare tutta una serie di operazioni (finanziarie e postali) finora fruibili solo all'interno degli uffici postali, come ad esempio il pagamento di bollettini, la possibilità di ricaricare Sim telefoniche e carte Postepay o la spedizione di raccomandate.

Quello che si configura come un vero e proprio servizio a domicilio rientra nel programma che Poste Italiane ha adottato per ribadire la sua vicinanza alla clientela e alle esigenze del territorio.

Dal 1862 Poste Italiane consegna lettere alle famiglie e alle imprese italiane, ma negli ultimi anni è il settore dei pacchi a trainare il business dell’Azienda, tanto che per la prima volta, nell'ultimo trimestre del 2020, la crescita dei ricavi da pacchi ha compensato il calo dei ricavi della corrispondenza tradizionale.

Anche in termini assoluti, i 210 milioni di pacchi consegnati in un anno a livello nazionale (+41% rispetto al 2019, e a dicembre una media record di 1,3 milioni al giorno) hanno segnato un risultato più che raddoppiato rispetto al 2016.

Nel 2020, infatti, in Valle d’Aosta si è registrato un incremento del 58% dei pacchi e-commerce rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il sito conferma ancora una volta il ruolo di Poste Italiane, capace, con i suoi 159 anni di storia, una rete di circa 13.000 Uffici Postali, 134 mila dipendenti, 514 miliardi di euro di attività finanziarie totali e circa 35 milioni di clienti, di creare occupazione e sviluppo, di coniugare tradizione e innovazione, di essere parte integrante del tessuto sociale e produttivo del Paese, soprattutto sul territorio, e di rappresentare una realtà unica in Italia per dimensioni, riconoscibilità, capillarità e fiducia da parte dei cittadini.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore