/ CRONACA

CRONACA | 15 settembre 2021, 10:42

Prof agli alunni: 'Chi di voi è vaccinato Covid?'; chiesto anche nelle chat di alcune asd sportive

L'assessore regionale all'Istruzione, Luciano Caveri, 'richiesta illegittima, nessuno può chiedere agli alunni dati sanitari sensibili e men che meno pubblicamente'

Prof agli alunni: 'Chi di voi è vaccinato Covid?'; chiesto anche nelle chat di alcune asd sportive

"Ad oggi gli unici studenti tenuti a esibire il green pass a scuola sono i maggiorenni che frequentano l'Università". Così l'assessore regionale all'Istruzione, Luciano Caveri, commenta la notizia secondo cui in alcune scuole Secondarie (Medie) e Superiori valdostane i professori hanno chiesto in aula agli studenti, per alzata di mano, chi di loro fosse vaccinato contro il Covid-19 e chi no.

Identica domanda è stata posta da alcuni dirigenti di Associazioni e Club sportivi valdostani ai loro giovani atleti, anche in chat aperte a tutti gli iscritti e ai loro genitori.

In un'altra scuola della cintura del capoluogo, invece, è stato un confronto tra alunni e professori in vista dell'organizzazione di una gita scolastica a far emergere chi fosse stato sottoposto a vaccinazione; un caso sicuramente diverso ma che, comunque, la direttrice scolastica ha prontamente evidenziato richiamando i docenti alla necessità di mantenere riservati i dati personali sensibili.

"Parlo per l'ambito scolastico -  sottolinea Caveri - dove tale richiesta risulta palesemente illegittima: nessuno può chiedere agli alunni dati sanitari sensibili e men che meno pubblicamente". Anche perchè è facilmente immaginabile la reazione degli studenti (soprattutto alle Superiori) non vaccinati, magari perchè affetti da malattie incompatibili con la vaccinazione.

"Di essere sottoposto a tale esposizione personale in piena violazione del diritto alla privacy su dati sensibili è accaduto a mio figlio -  afferma il genitore di un alunno di una scuola della Plaine di Aosta - che, scosso, lo ha raccontato in famiglia. Mi chiedo come sia possibile attentare in questo modo alla sensibilità di adolescenti e pre-adolescenti, tra i quali è facile purtroppo che possano crearsi ghettizzazioni spontanee nei confronti di coetanei non vaccinati o peggio ancora sofferenti di patologie particolari".

La madre di un altro ragazzo non ha perso tempo e si è rivolta subito alla dirigente scolastica: "Si è detta rammaricata per quanto accaduto e mi ha assicurato che avrebbe immediatamente contattato i professori responsabili di tale scellerata iniziativa. Certo, come sia venuto loro in mente di 'selezionare' gli studenti in base alla vaccinazione Covid rimane per me un mistero...".

pa.ga.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore