/ ECONOMIA

ECONOMIA | 08 aprile 2021, 10:10

Tagliate le pensioni, gravi perdite per i titolari

Comunicazione Inps sul cedolino di marzo 2021: le trattenute dei ratei di pensione in pagamento a marzo comportano importi ridotti rispetto alla media. Con i nuovi coefficienti i ratei saranno più bassi. I più penalizzati saranno i lavoratori col sistema contributivo

Tagliate le pensioni, gravi perdite per i titolari

Brutte notizie per i pensionati 2021. Da quest’anno ci sarà una riduzione dell’assegno, a causa dell’aggiornamento dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo. Secondo i calcoli della Uil, si perderanno fino a 170 euro all’anno per le pensioni più alte.

La decurtazione dell’importo mensile riguarda i lavoratori che accedono al trattamento previdenziale sulla scorta del solo calcolo contributivo. Per chi va in pensione con il sistema misto (ovvero coloro che avevano meno di 18 anni di contributi alla fine del 1995) il taglio è più ridotto perché ci sarà una parte della pensione calcolata con il sistema retributivo.

L’ammontare dell’assegno previdenziale di alcuni contribuenti cambia in riferimento ai coefficienti di trasformazione cui si ricorre unicamente per il sistema contributivo. Il coefficiente viene cambiato con l’adeguamento alla speranza di vita con effetti sull’importo dell’assegno pensionistico. Ciò perché i coefficienti di trasformazione decrescono in misura progressiva per bilanciare le ricadute positive che l’allungamento della vita avrebbe sul rateo.

E così il cedolino pensione di  marzo 2021 con trattenute piu alte del solito da cui risultano importi piu bassi della media.    Lo comunica l'INPS sul proprio sito  evidenziando che  il rateo di pensione di marzo sconta  alcune operazioni fiscali  relative all'intero anno 2020.

Si ricorda che il cedolino della pensione, che consente di verificare l'importo e le componenti della pensione per ciascun mese è accessibile tramite servizio online (necessario essere già muniti di PIN INPS oppure  dotarsi di SPID,CNS o CIE). 

L'istituto ricorda anche che il diritto al rateo di pensione si matura il  primo giorno bancabile del mese ma  nel caso in cui, dopo l’incasso, la somma dovesse risultare non dovuta, l’INPS ne richiederà la restituzione. 

Trattenute fiscali: addizionali regionali e comunali, conguaglio 2020 e tassazione 2021 su tutte le pensioni

  • Nel rateo di pensione di marzo, oltre all’ IRPEF mensile, vengono trattenute le addizionali regionali e comunali relative al 2020. Si ricorda che queste trattenute sono infatti effettuate in 11 rate nell’anno successivo a quello cui si riferiscono
  • Da questo mese viene avviata anche la trattenuta per addizionale comunale in acconto per il 2021, che proseguirà fino a novembre 2021.
  • Sul rateo di pensione del mese di febbraio prosegue  il recupero delle ritenute erariali relative al 2020 ( IRPEF e addizionale regionale e comunale a saldo) laddove le stesse siano state effettuate in misura inferiore rispetto a quanto dovuto su base annua. Nel caso di pensionati con importo annuo complessivo dei trattamenti pensionistici fino a 18.000 euro, per i quali il ricalcolo dell’ IRPEF ha determinato un conguaglio a debito di importo superiore a 100 euro, la rateazione viene estesa fino alla mensilità di novembre . Per i redditi di pensione annui di importo superiore a 18.000 euro e per quelli di importo inferiore a 18.000 euro con debito inferiore a 100 euro, il debito d’imposta è stato applicato sulle prestazioni in pagamento alla data del 1° marzo, con azzeramento delle cedole laddove le imposte corrispondenti siano risultate pari o superiori alle relative capienze. Le somme conguagliate verranno certificate nella Certificazione Unica 2021. 
  • Sono stati effettuati, inoltre, i conguagli per il recupero delle imposte sospese in caso di calamità naturali. 

Riduzione delle pensioni di importo elevato 

Lo scorso mese, effettuate le operazioni di verifica della congruità degli importi trattenuti nel corso del 2020 a titolo di riduzione delle pensioni di importo elevato, come previsto dalla legge di bilancio 2019 (cosiddette pensioni d’oro), nel caso di un conguaglio negativo, è stato avviato il recupero suddiviso in quattro rate. Sul rateo di pensione di marzo viene pertanto effettuato il recupero della seconda rata del conguaglio.

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore