/ CULTURA

CULTURA | 03 novembre 2020, 08:45

Mercatino libri usati online alla Biblioteca regionale

La biblioteca regionale 'Bruno Salvadori' ad Aosta

La biblioteca regionale 'Bruno Salvadori' ad Aosta

Come ogni anno in autunno, la Biblioteca regionale Bruno Salvadori di Aosta mette in vendita dei libri dismessi dal Sistema bibliotecario valdostano.

Per la situazione di emergenza sanitaria in atto, quest’edizione sarà esclusivamente online e sarà possibile visionare l’elenco dei libri offerti in vendita sul sito del sistema bibliotecario : https://biblio.regione.vda.it/<wbr></wbr>.

I cittadini interessati a un particolare libro, dopo averlo individuato nell’apposito elenco, dovranno telefonare al numero 0165-274861, negli orari di apertura della biblioteca, e prenotarlo.  Il volume o i volumi saranno riservati e tenuti da parte per tre giorni; la persona interessata all’acquisto dovrà sempre accertarsi al telefono con l’operatore che il volume desiderato sia effettivamente ancora disponibile. Gli elenchi infatti verranno aggiornati quotidianamente ma a fine giornata.

Il mercatino si svolgerà durante tre settimane: prenderà il via lunedì 9 novembre, per continuare nelle 3 settimane successive, fino a sabato 28 novembre. Il prezzo di vendita diminuirà di settimana in settimana: da 3 euro, a 2 euro, per arrivare infine a 1 euro.

Sono oltre 1.500 i libri posti in vendita. Si tratta di volumi usati che non sono più utili al servizio pubblico: libri posseduti in più copie, volumi di cui esistono edizioni più aggiornate, libri che da tempo non vengono più richiesti, libri non in buono stato, ma non al punto da dover essere inviati al macero.

I generi spaziano dalla narrativa, alla saggistica, alla cultura valdostana, ma anche manualistica, guide turistiche e libri per ragazzi.

"L'iniziativa - evidenzia l’assessore regionale ai Beni culturali, Jean-Pierre Guichardaz  - dà attuazione alla normativa in materia di dismissione dei documenti del Sistema bibliotecario, e al tempo stesso, è l’occasione per dare ai libri una seconda vita attraverso la pratica positiva del riuso".


i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore