/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 02 ottobre 2020, 17:00

Fine settimana valdostano bagnato

Infografica Centro Multifunzionale Regione autonoma Valle d'Aosta

Infografica Centro Multifunzionale Regione autonoma Valle d'Aosta

Il Centro Funzionale Meteo della Regione Autonoma Valle d'Aosta segnala: Una profonda circolazione depressionaria centrata tra Francia e Inghilterra determinerà precipitazioni intense soprattutto fino alle prime ore di domani, quando le temperature tenderanno a calare in modo sensibile. I giorni a seguire dovrebbero essere caratterizzati da un'alternanza di schiarite ad annuvolamenti forieri di qualche precipitazione, perlopiù di debole intensità

SABATO 3 OTTOBRE

Precipitazioni in temporanea attenuazione e cessazione associate a qualche schiarita a partire dalle prime ore della giornata, in successiva ripresa dal tardo pomeriggio, specialmente sul settore sud-orientale, quando il limite delle nevicate scenderà al di sotto ai 2000 m circa.

Temperature: in sensibile calo.

Pressione: in aumento.

Venti: 3000 m moderati meridionali; generalmente deboli da SE nelle valli.

Segnalazioni: precipitazioni molto forti, specie in bassa valle fino alle prime ore del mattino.

DOMENICA 4 OTTOBRE

Alternanza di schiarite a nuvolosità irregolare associata a qualche precipitazione locale, generalmente di debole intensità.

Temperature: in lieve calo, specie le minime.

Pressione: in aumento.

Venti: 3000 m moderati meridionali; generalmente deboli da SE nelle valli.

Maltempo: allerta rossa in Liguria, Lombardia e Veneto

Allerta arancione in otto regioni

Il vasto sistema perturbato che sta interessando le regioni settentrionali dell’Italia, si estenderà, domani, a parte delle regioni centrali, con precipitazioni diffuse, anche temporalesche e un rinforzo dei venti meridionali che coinvolgerà anche le regioni meridionali e la Sicilia.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che fa seguito ed estende quello diffuso ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dalla serata di oggi, venerdì 2 ottobre, venti da forti a burrasca, dai quadranti meridionali, su Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, con raffiche fino a burrasca forte sui crinali appenninici e sui rilievi della Sicilia. Si prevedono, inoltre, mareggiate lungo le coste esposte. Dal primo mattino di domani, sabato 3 ottobre, si prevedono precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Umbria e Lazio. Dalla tarda mattinata di domani si prevede, inoltre, il persistere di precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul Friuli Venezia Giulia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per le giornate di oggi, venerdì 2 ottobre, e domani, sabato 3 ottobre, allerta rossa su alcuni settori di Liguria, Lombardia e Veneto. Per la giornata di domani valutata allerta arancione in Trentino Alto Adige e su parte di Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna. Valutata, inoltre, allerta gialla in Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e su alcuni settori di Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Basilicata, Calabria e Puglia.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore