/ CRONACA

CRONACA | 25 settembre 2020, 08:05

Pesta a sangue la madre in pieno giorno in una via di Aosta

Pesta a sangue la madre in pieno giorno in una via di Aosta

E' accaduto verso le 13,30 dello scorso 17 settembre ma la notizia è trapelata solo ora. Un giovane, residente ad Aosta, al culmine di una lite ha assalito la madre a pugni e calci in una via del Quartiere Cogne, sotto gli occhi dei passanti atterriti, ferendola al punto che la donna, soccorsa prima da alcuni residenti che hanno bloccato l'aggressore e poi dal 118, è stata ricoverata al Pronto soccorso del 'Parini' con diversi traumi e contusioni, al volto e al torace.

Le Forze dell'ordine intervenute sul posto stanno valutando possibili reati contestabili d'ufficio, qualora la donna non volesse sporgere denuncia contro il figlio. Si tratta del secondo episodio nel giro di un mese ad Aosta di violenza familiare che ha per protagonisti un figlio aggressivo nei confronti dei genitori. Il 24 agosto in un alloggio del centro storico un giovane aveva preso a pugni prima il padre poi la madre, minacciando persino di ucciderla.

Che i duri mesi del lockdown abbiano influito nell'incremento delle violenze domestiche in Italia e che il trend sia rimasto in aumento anche in estate è un dato ormai accertato. Secondo Infodata del Sole24Ore da marzo a giugno 2020 il numero di richieste di aiuto per sé o per altri, arrivate al numero verde 1522 per la violenza e lo stalking sono raddoppiate rispetto allo stesso periodo del 2019 (+119%).

Gli operatori hanno ricevuto 15.280 fra telefonate e messaggi validi, e quasi 5000 delle quali erano richieste di aiuto per violenza , ovvero 4.899 chiamate pari al 32,1% del totale delle chiamate valide.

 

 

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore