/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 06 agosto 2020, 16:03

Allerta ghiacciaio Planpincieux: bene la tutela dell'incolumità pubblica

COMUNICAZIONE POLITICA AUTOGESTITA FI - Ma si pensi anche agli operatori economici di tutta Courmayeur

Emily Rini, coordinatrice Forza Italia VdA

Emily Rini, coordinatrice Forza Italia VdA

"Sull'allerta scattata in relazione al possibile crollo di una porzione del ghiacciaio di Planpincieux, noi - pur stando dalla parte della sicurezza e della tutela dell'incolumità pubblica di residenti e turisti - non possiamo non schierarci con forza dalla parte degli operatori economici della Val Ferret e di Courmayeur più in generale, che dopo avere coraggiosamente rialzato la testa in questo delicato periodo post-Covid, ora rischiano di vedere vanificati tutti i loro sforzi prodotti per la ripartenza a causa di questa nuova paventata emergenza".

Il coordinamento regionale di Forza Italia Valle d'Aosta commenta in questo modo l'evoluzione della situazione nella Val Ferret in riferimento al rischio crollo di una porzione del ghiacciaio di Planpincieux, aggiungendo: "In un simile contesto, nell'ambito del quale sono già giunte numerose disdette per il fine settimana in strutture ricettive di Courmayeur, la prima e più urgente sollecitazione che intendiamo fare è ai vertici dell'amministrazione regionale e dell'amministrazione comunale, affinché sappiano gestire al meglio la comunicazione d'emergenza relativa a questo fenomeno, considerato che i primi titoli pubblicati a riguardo su alcuni media nazionali, come ad esempio 'Ghiacciaio a rischio crollo, evacuazione in corso a Courmayeur' e 'Ghiacciaio in Val Ferret, settanta persone evacuate a Courmayeur per timore di crolli', hanno di fatto esteso l'allarme indistintamente a tutto il territorio comunale di Courmayeur. Erroneamente e senza motivo. Per questo occorre intervenire subito, gestendo al meglio la comunicazione d'emergenza, prima che sia troppo tardi e che la situazione scappi di mano. Anche perché gli operatori economici coinvolti aspettano giustamente di conoscere ora quali saranno le misure che le amministrazioni pubbliche di riferimento intenderanno mettere in campo per ovviare alle inevitabili conseguenze economico-sociali che questa nuova emergenza comporterà loro in un periodo di per sé già molto critico".

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore