/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 09 luglio 2020, 10:20

Front Valdotain, 'eliminare vincolo investimenti su risorse ai comuni valdostani'

Front Valdotain, 'eliminare vincolo investimenti su risorse ai comuni valdostani'

"Se non fosse tutto tristemente vero, ci sarebbe quasi da riderci sopra". Inizia così una nota firmata dai coordinamenti regionali di Forza Italia e Fratelli d'Italia e  dal gruppo del Front Valdôtain sull'esito dell'incontro avvenuto ieri a Palazzo regionale ad Aosta alla presenza di 65 dei 74 sindaci valdostani sui finanziamenti per investimenti riconosciuti agli enti locali valdostani ai sensi del terzo pacchetto di interventi regionali anticrisi approvato venerdì scorso. Secondo i Movimenti di opposizione "sentire la totalità dei consiglieri regionali di maggioranza gridare allo scandalo e all'assurdo in merito al vincolo di destinazione da loro stessi votato nemmeno cinque giorni fa in Consiglio regionale in relazione agli 11,1 milioni di euro destinati ai comuni valdostani, ci pone tutti di fronte a un interrogativo molto serio: tra questi signori c'è ancora qualcuno che crede veramente a quello che dice o è ormai tutto ridotto a un'enorme presa in giro nei confronti dei valdostani?".

In caso di convocazione di un Consiglio Valle straordinario, che auspicano possa avvenire "questa volta alla luce del sole e non essere inficiato da eventuali voti segreti", è intenzione dei Movimenti di centrodestra "contribuire fattivamente affinché i comuni valdostani si vedano riconosciuto quanto spetta loro, senza vincoli di destinazione e andando a ripristinare l'assegnazione di 22,2 milioni di euro originariamente prevista per gli investimenti a beneficio delle comunità locali sul territorio”.

"In Consiglio regionale, appena qualche giorno fa - prosegue la nota - non ci pare proprio di avere notato posizioni contrarie né al taglio del 50% delle risorse per investimenti ai comuni né all'introduzione del vincolo di destinazione, se è vero che l'articolo di legge in questione è stato approvato con 33 voti favorevoli a fronte di soltanto due contrari, uno dei quali della nostra rappresentante in Consiglio Valle, Emily Rini, che già venerdì scorso aveva manifestato tutta la sua contrarietà per un'operazione che taglia le gambe al rilancio del tessuto economico-produttivo sul territorio".

Per il centrodestra valdostano "apprendere che coloro che hanno votato a favore di questo enorme pasticcio, sono proprio coloro che oggi ne prendono fermamente le distanze, è davvero irrispettoso e offensivo nei confronti dell'intelligenza di tutti i valdostani, così come è irrispettoso e offensivo continuare a insistere con il ritornello del ricatto, poiché nel caso in cui non fosse stato garantito un voto libero e democratico in Consiglio Valle, ci si sarebbe dovuti immediatamente allarmare e agire di conseguenza. Cosa che nessuno ci pare abbia fatto. Quindi il tutto sa tanto di scappatoia per lavarsi la coscienza e nulla più. Come sempre sono i fatti che contano, non le parole”.

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore