/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 01 giugno 2020, 21:46

2 GIUGNO: Manes, “Vogliamo una Repubblica che dia dignità ai Piccoli Comuni”

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO - NEL 74° anniversario della nascita della Repubblica italiana, il presidente del Celva, Franco Manes, sottolinea l’importanza di questa celebrazione per gli Amministratori dei Comuni valdostani

Franco Manes

Franco Manes

Il 2 giugno di quest’anno ricorre in un momento storico che nessuno si sarebbe mai immaginato – dice Manes -. La vicinanza dei cittadini alle Istituzioni e l’appartenenza alla Patria sono oggi quanto mai difficili da rendere tangibili, ma, allo stesso modo, nel momento della difficoltà abbiamo toccato con mano che possiamo essere comunità anche a distanza. La Festa della Repubblica deve allora essere per noi un momento di analisi e riflessione nei confronti di quanto di chiedono i nostri cittadini: concretezza, presenza e moralità. Perché i nostri Comuni – sottolinea Franco Manes - onorano la Festa della Repubblica, attraverso l’impegno comunitario dei cittadini, degli Amministratori e dei tanti volontari, figure troppo spesso dimenticate”.

Prosegue il Presidente del Celva: “Oggi ricordiamo i sacrifici e gli sforzi di coloro che hanno fortemente voluto la nostra Costituzione e rispettiamo le scelte che sono alla base del nostro vivere comune, ma come Sindaci pretendiamo che lo Stato non accentri poteri e funzioni, ma applichi pienamente quanto contenuto nel dettato costituzionale riguardo alle Istituzioni locali.”

L’Italia è il paese dei piccoli Comuni. Sono ben 5.552 quelli al di sotto dei 5 mila abitanti, e che rappresentano quasi il 70% della totalità. Sono questi i Comuni che custodiscono circa il 90% dei prodotti enogastronomici tipici italiani e la maggior parte delle nostre bellezze culturali, architettoniche e paesaggistiche.

Afferma ancora Manes: “È questa la Repubblica che vogliamo: l’Italia dei piccoli, delle “terre alte”, dei borghi. Per questo motivo, in questo giorno di celebrazioni, chiediamo al Governo nazionale e alle Regioni di cambiare marcia, ridando dignità ai Comuni, garantendone l’autonomia d’azione, prevista dalla legge, e l’autonomia identitaria che ne costituisce il carattere distintivo. Ai Sindaci deve essere garantito il ruolo di primo presidio istituzionale del territorio, attraverso strumenti e modalità di azione puntuali ed efficaci, superando procedure che si vorrebbero trasparenti, ma che nei fatti ingessano solo il Sistema Paese”.

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore