/ ECONOMIA

ECONOMIA | 15 febbraio 2024, 14:13

La Corte dei Conti promuove le partecipate regionali

Per la prima volta dal 2017, emerge un dato significativo riguardante la Cervino, la quale ha generato un utile di 22 milioni di euro

La Corte dei Conti promuove le partecipate regionali

All'interno di un'analisi più ampia sulle relazioni finanziarie tra la Regione e le sue partecipazioni dirette e indirette nel corso del 2022, si è riscontrato che tutte le società coinvolte hanno riportato profitti. Questa informazione è stata riportata dalla sezione di controllo della Corte dei Conti per la Valle d'Aosta nella sua relazione al Consiglio regionale per l'esercizio finanziario 2022.

Il documento sottolinea che "in quest'ottica, è degno di nota il fatto che la società Casinò de la Vallée spa abbia realizzato un utile di 8.374.830,91 euro, registrando un aumento dell'80,64% rispetto al 2021. Allo stesso modo, la Rav spa, che ha segnato perdite costanti dal 2015 (con l'eccezione del 2017), ha generato un utile di 5.850.226 euro, mentre la Cva spa ha concluso il 2022 con un utile di 59.776.772 euro, in linea con i risultati precedenti al 2021.

È degno di nota anche il notevole aumento registrato dalle società che gestiscono gli impianti di risalita, con particolare riferimento alla Cervino spa, che ha generato un utile di 22,5 milioni di euro. Questo è un risultato significativo considerando che, nel 2021, a causa delle restrizioni legate alla pandemia da Covid, la società aveva riportato una perdita di 10,34 milioni di euro."

Il rapporto della Corte dei Conti riporta anche i profitti delle altre società di impianti a fune: Courmayeur Mont Blanc Funivie (1,39 milioni), Funivie Monte Bianco (2,23 milioni), Funivie Piccolo San Bernardo (5,32 milioni), Monterosa (2,12 milioni), Pila (1,1 milioni). Tra le altre partecipate, si segnalano anche Sav (15,42 milioni di euro di utile), Sitrasb (2 milioni), Finaosta (3,86 milioni), e Aosta Factor (1,57 milioni).

In generale, le entrate hanno mostrato un notevole incremento, passando da 1.372.535.266,88 euro nel 2021 a 1.606.616.015,88 euro nel 2022, con un aumento di 234.080.749,00 euro, pari al 17,05%.

Questo incremento è principalmente dovuto all'aumento delle entrate correnti, incluse quelle di natura tributaria, contributiva e perequativa, che hanno registrato un aumento del 17,52%, pari a 192.861.171,44 euro, passando da 1.100.955.339,38 euro nel 2021 a 1.293.816.510,82 euro nel 2022.

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore