/ CRONACA

CRONACA | 11 febbraio 2024, 13:01

Aperta sul Cervino la via 'Una Follia per Adriana'

Un tributo epico alla storia e all'impresa alpinistica

Foto repertorio

Foto repertorio

Il 31 gennaio e il 6 febbraio le guide alpine Francois Cazzanelli, Jerome Perruquet, Marco Farina e Stefano Stradelli hanno aperto una nuova via di salita al Cervino (4.478 metri). L'itinerario si sviluppa sulla parete sud della montagna. Lo ha reso noto l'Ansa.

L'apertura di una nuova via sulla parete sud del Cervino rappresenta un evento significativo nel mondo dell'alpinismo, sottolineando l'importanza dell'impresa alpinistica non solo in termini di sfida fisica e tecnica, ma anche come espressione di passione, dedizione e rispetto per la storia e le tradizioni legate alle montagne.La decisione di intraprendere una nuova via di salita su una montagna iconica come il Cervino non è mai da sottovalutare.

Ogni nuova via rappresenta un'opportunità unica per gli alpinisti di lasciare il proprio segno nella storia dell'alpinismo, contribuendo alla continua evoluzione delle conoscenze e delle tecniche alpinistiche.

Nel caso specifico della via "Una Follia per Adriana", il nome stesso evoca un profondo rispetto e un omaggio alla memoria di Adriana Pession, figura di riferimento nella comunità alpinistica e storica segretaria della Società Guide del Cervino. Questa dedica sottolinea l'importanza delle relazioni umane e del legame tra gli alpinisti, che vanno oltre la semplice conquista personale per abbracciare valori più ampi di solidarietà, amicizia e memoria.

La scelta di dedicare la via a Adriana Pession aggiunge un ulteriore strato di significato all'impresa, trasformandola in un tributo tangibile alla sua eredità e al suo contributo al mondo dell'alpinismo.

Questo atto di riconoscimento non solo onora la memoria di un individuo, ma rafforza anche il senso di comunità e di continuità nella pratica alpinistica.Inoltre, l'apertura di una nuova via alpinistica non è solo un'impresa individuale, ma spesso coinvolge una squadra di alpinisti che lavorano insieme per superare le sfide tecniche e psicologiche che si presentano lungo il percorso.

Questo enfatizza l'importanza del lavoro di squadra, della fiducia reciproca e della solidarietà nell'affrontare le difficoltà e raggiungere gli obiettivi comuni.Infine, l'apertura di nuove vie alpinistiche non solo arricchisce il patrimonio storico e culturale legato alle montagne, ma può anche avere un impatto positivo sull'economia locale e sul turismo, attirando l'interesse di alpinisti provenienti da tutto il mondo e promuovendo la conservazione e la valorizzazione delle aree montane.In conclusione, l'apertura di una nuova via sulla parete sud del Cervino rappresenta non solo una straordinaria impresa alpinistica, ma anche un tributo alla memoria di una figura importante nell'alpinismo e un'espressione dei valori di amicizia, solidarietà e rispetto per le montagne e per coloro che le hanno dedicate la loro vita.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore