/ CRONACA

CRONACA | 05 maggio 2022, 19:00

A Vérres è tempo di carnevale

Fine settimana con la 73a edizione del Carnevale Storico di Verrès. Una data insolita con un programma ricco di novità

A Vérres è tempo di carnevale

Un Carnevale in versione primaverile per rilanciare la festa in un periodo con meno restrizioni, questo è lo spirito con cui il borgo di Verrès si prepara a celebrare  il suo storico Carnevale,  il 7 e 8 maggio.

Ad interpretare i due protagonisti di questa 73ª edizione sono Barbara Vout nei panni della Contessa Catherine de Challant e Moreno Chanoux nelle vesti del Conte Pierre d’Introd LXXIII. Si inizia sabato 7 maggio a partire dalle 20.30, allo squillo delle chiarine e al rullo dei tamburi, il Gran Ciambellano di corte annuncia i Conti e legge il Proclama di Caterina accanto ai due interpreti che, con i loro sontuosi abiti, si affacciano sulla piazza. Segue la rievocazione del ballo di Catherine tra il popolo e la consueta consegna delle chiavi del borgo da parte del Sindaco.

A differenza di altri carnevali, quello di Verrès ha la particolarità di raccogliere  l’essenza fedelmente rievocativa di un evento realmente accaduto. Giova pertanto ricordare quanto la tradizione narra.

Nel  1450, Caterina di Challant, prima contessa reggente della valle che ereditò tale titolo con fermezza dal padre Francesco, scese fino in paese il giorno della Santissima Trinità e danzò in piazza con i giovani del popolo assieme al consorte Pierre Sarriod d'Introd, nel pieno della lotta per difendere la carica acquisita, rivendicata dal cugino di Caterina. Questo gesto le permise di conquistare le simpatie dei sudditi e il grido che si levò spontaneo "Vive Introd et Madame de Challant" riecheggia ancora ai giorni nostri durante i festeggiamenti.

Nonostante la data insolita e l’edizione concentrata in soli due giorni del fine settimana, gli appuntamenti tradizionali del Carnevale storico di Verrès sono mantenuti e il  programma si arricchisce di nuovi eventi rievocativi di ciò che accadde quel giorno di oltre cinquecento anni fa. “Proponiamo in questa edizione primaverile alcune sorprese che vi invitiamo a scoprire personalmente durante i festeggiamenti nel nostro antico borgo”, chiosa Susy Vallino, Presidente del Comitato storico.

Di fatto, agli storici personaggi di Catherine e Pierre si affiancherà una figura illustre sinora inedita e sarà presentata un’animazione volta a rievocare il “Litigio di Verrès”,  una contesa tra due eminenti personaggi documentata anche ne "Gli scritti sugli Challant"  di L. Vaccarone.

Dopo la sfilata del corteo storico, in questa edizione per la prima volta orfana del suo prestigioso maniero, Verrès si prepara a proseguire i festeggiamenti all’ Espace Loisir M. Massa, ritrovo destinato ad accogliere per due giorni la musica, le danze e il ristoro.

L’evento prosegue anche domenica 8 maggio, dalle 11:00 con l’animazione medioevale e i  giochi medioevali per bambini. Dalle 14:30, la piazza É. Chanoux accoglie nuovamente la presentazione ufficiale di Caterina di Challant e Pierre d’Introd LXXIII e a seguire la sfilata dei gruppi storici della Valle d’Aosta e del Canavese.

Contestuale ai festeggiamenti, il Comitato del Carnevale storico ha allestito una mostra a Maison La Tour, aperta nel fine settimana, dalle 15 alle 19, proponendo una rilettura del passato attraverso dei quadri di diversi stili, riguardanti il Castello, la Collegiata e la famiglia Challant, mentre il piano superiore della struttura riporta in vita la giostra dei ricordi con i vestiti, le medaglie e gli oggetti appartenenti alle diverse Caterine che si sono avvicendate nelle passate edizioni, durante gli anni terminanti col numero “Tre”.

A chiudere gli eventi di questa 73a edizione sarà la serata medievale di Sabato 4 giugno. Dalle ore 17, le vie di Verrès si animeranno con la sfilata di Caterina e Pierre e del corteo storico.

In seguito, nel salone e all’ area verde in località “Les Murasses” è prevista la rappresentazione della pièce teatrale di G. Giacosa “Una partita a scacchi”, mentre la notte in stile medievale si annuncia lunga e intensa con aperitivi, cene e a ritmo di musica lungo le vie del borgo.

redtur

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore