/ CRONACA

CRONACA | 17 gennaio 2022, 15:49

Nuove norme per conferimento rifiuti speciali non domestici

Dovendo attuare quanto previsto da norme nazionali ed europei s'è reso necessario rivedere le tipologie e le modalità di gestione

Nuove norme per conferimento rifiuti speciali non domestici

Legname da costruzione, sfalci verdi da potature da manutenzione di terzi, segatura, ma anche materiali isolanti, se prodotti da Utenze Non Domestiche sono considerati rifiuti speciali e non possono più essere conferiti come rifiuti urbani. Possono però essere "conferiti ai nuovi impianti di trattamento per la gestione dei rifiuti urbani" accanto alla discarica regionale, in località l'Ile Blonde a Brissogne a seguito di convenzione tra il soggetto produttore e il gestore Enval SRL e con costi a carico del produttore, come comunicato dal servizio associato rifiuti delle quattro Unités Valdigne-Mont-Blanc, Grand-Paradis, Mont-Emilius e Grand-Combin.

"Dovendo attuare quanto previsto da importanti interventi normativi nazionali ed europei, che prevedono nuovi obiettivi di effettivo avvio a recupero dei rifiuti urbani, si è reso necessario rivedere le tipologie e le modalità di gestione dei rifiuti provenienti soprattutto dalle aziende e dalle utenze non domestiche" aggiunge il servizio. Il conferimento all'impianto dell'Enval ha lo scopo di "agevolare gli utenti" per fornire soluzioni alternative all’abbandono dei rifiuti o al loro conferimento come rifiuto urbano, che crea notevoli problemi soprattutto agli impianti di trattamento.

Di conseguenza isolanti, legname, sfalci da manutenzione di terzi e segatura seppure simili ai rifiuti urbani, come rifiuti speciali prodotti da Utenze Non Domestiche non possono più essere conferiti nei cassonetti stradali o nei centri di conferimento.

Redazione cronaca

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore