/ CRONACA

CRONACA | 18 settembre 2021, 14:30

Brutte notizie per gli utenti di Waze o Google Maps

Google Maps, Waze o anche Coyote hanno la particolarità di segnalare, in determinati casi, l'eventuale presenza della polizia. Tuttavia, dal 1° novembre non potranno più farlo

Brutte notizie per gli utenti di Waze o Google Maps

Esistono attualmente molte soluzioni in grado di avvisare il conducente di un veicolo quando entra in una zona a rischio o quando si avvicina a un posto di blocco. Google Maps e Waze offrono funzioni come questa, e lo stesso vale per Nokia Here o prodotti più specializzati come le custodie Coyote.

Per quanto funzionali possano essere, questi prodotti devono comunque essere conformi alla legge. Ed è per questo che presto non potranno più offrire questa funzione, in particolare in Francia dove un decreto approvato nell'aprile 2021 prevede infatti un quadro più definito per gli avvisi radar e di pattuglia. 

Concretamente, quindi, dal 1° novembre 2021, le Prefetture possono decidere di bloccare per un determinato periodo di tempo la notifica di alcuni controlli di polizia. Con due limitazioni. La durata di questa sospensione, inizialmente, sarà compresa tra le 2 e le 12 ore. Sarà quindi temporaneo e non può essere esteso a più giorni.

Inoltre, il divieto prevarrà solo sulle strade dipartimentali e comunali e non riguarderà le principali autostrade. Se il provvedimento viene attivato, i controlli sull'alcolemia e sugli stupefacenti scompariranno dalle applicazioni, ma anche tutti i posti di blocco schierati in caso di rapimenti o allarmi terroristici.

L'obiettivo è proprio assicurarsi che le persone malintenzionate non possano utilizzare queste applicazioni per eludere le forze dell'ordine. Non è quindi il guidatore medio ad essere preso di mira da questa misura, anche se rischia di pagarne i costi.

Un altro punto da chiarire è che anche il raggio di azione di questo blocco sarà limitato e non potrà superare i 2 chilometri nelle aree urbane e i 10 chilometri nelle aree rurali.

Resta da vedere se questa misura sarà applicabile. Strumenti come Waze consentono ai conducenti di segnalare altri ostacoli, come incidenti o ingorghi.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore