/ EVENTI E APPUNTAMENTI

EVENTI E APPUNTAMENTI | 02 agosto 2021, 17:38

Le 'Segnate trame' di Daniela Evangelisti a Maison Bruil di Introd

L'artista valdostana utilizza i tessuti come vere e proprie tele su cui scrive con antichi ricami, fili di cotone, pizzi

Le 'Segnate trame' di Daniela Evangelisti a Maison Bruil di Introd

Un’esposizione per dare valore, visibilità, considerazione alle tele lavorate dalle donne in passato. Questo il senso della mostra 'Segnate trame - forme misconosciute di arte tessile femminile' dell'artista valdostana Daniela Evangelisti, visitabile a Maison Bruil di Introd dal 9 agosto al 21 settembre.

Quelle trame, creativamente reinterpretate, sono attualizzate e traghettate dall’artista al presente. L’uso di fili spessi e di “materiali contrastanti”, che si intrecciano agli orditi dei tessuti originali, indica da un lato la forza femminile espressa e sottesa che, come un fil-rouge, accompagna da sempre e pro-babilmente continuerà ad accompagnare l’operato delle donne, dall’altro, l’inserzione di nuove forme e rilievi potenzia il legame tra il presente e il passato e attribuisce valore all’ereditarietà.

Tenendo fra le mani queste antiche tele Evangelisti ha colto le emozioni e le sensazioni delle donne che le hanno cucite e rammendate, ne ha considerato la condizione arrivando a rappresentare situazioni trasversali a tutte le donne. Le tele esposte veicolano pertanto l’attenzione che potrebbe essere riservata all’inestimabile lavoro svolto dalle donne in passato.

Daniela Evangelisti è nata ad Aosta e vive e lavora a Verrès. Laureata in Pedagogia, si dedica all’insegnamento, da sempre nutrendo una grande passione per i tessuti come tele di canapa grezza, merletti, pizzi antichi, biancheria di lino. Questi divengono presto i suoi strumenti creativi da cui partire per dare vita a concetti profondi e delicati.

Dapprima utilizza i tessuti come vere e proprie tele su cui scrive con antichi ricami, fili di cotone, pizzi. Con il tempo rompe la barriera del-la bidimensionalità per creare installazioni e sculture che abitano gli spazi.

La leggerezza quasi impalpabile e fluttuante delle opere dell'artist non deve trarre in inganno uno spettatore sognante. A mezz’aria volteggiano nodi inespressi e serrati di tante esistenze. Vite che da secoli, forse da sempre, sfilano più o meno visibili agli occhi del mondo. Alle donne si rivolge Evangelisti, alla loro incredibile forza trasmessa di generazione in generazione. Il loro paesaggio su questa Terra è un incedere delicato ma controvento, tra le forze contrarie.

Antiche lenzuola, candide e ruvide, organza delicata, pizzi eterei si in-trecciano con acciaio, ferro, reti metalliche e raccontano desideri inespressi che riecheggiano, di nodi profondi da sciogliere per respirare aria fresca, di gabbie più o meno visibili da cui liberarsi.

Daniela Evangelisti ha collaborato con la galleria torinese Evvivanoè, ha partecipato a mostre italiane del settore del Fiber Art (Parma, Chie-ri).

Ha esposto i suoi lavori alla Affordable Art Faiir e al Fuori Salone di Milano. Numerose le mostre personali e collettive in musei d’arte contempora-nea e sedi prestigiose: Palazzo Lomellini (Carmagnola, TO), Palazzo Salmatoris (Cherasco,Cn), Banca del Vino di Pollenzo (CN), ‘L Castel Casa Forte di Pont St Martin (AO), Syart Festival di Sorrento.

 

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore