/ EVENTI E APPUNTAMENTI

EVENTI E APPUNTAMENTI | 20 luglio 2021, 08:00

Doues rende omaggio a Ezio Bosso per scoprire la cultura e le tradizioni locali

Un concerto del Quartetto Zerp che parte dal ricordo di Ezio, dalla volontà di diffondere la musica che ha lasciato, anche affiancandole il repertorio tradizionale e contemporaneo

Doues rende omaggio a Ezio Bosso per scoprire la cultura e le tradizioni locali

Nell'ambito della rassegna Combin en Musique, Doues rende omaggio a Ezio Bosso, il grande musicista e direttore d'orchesta morto il 19 gennaio 2019. Mercoledì nella piazza del comune lo ricordaranno Giacomo Agazzini, violino; Roberta Bua, violino; Giorgia Lenzo, viola; Claudia Ravetto, violoncello del Quartetto Zero nato nel 2021 con un evento dedicato ad Ezio Bosso, come un omaggio che alcuni dei musicisti che gli sono stati più vicini vogliono tributargli. Un percorso che parta dal ricordo di Ezio, dalla volontà di diffondere la musica che ha lasciato, anche affiancandole il repertorio tradizionale e contemporaneo.

La rassegna la rassegna Combin en Musique propone eventi musicali in teatri inconsueti: luoghi ricchi di valore naturalistico, paesaggistico, storico e culturale che si aprono al pubblico e si svelano con la potenza della musica. A Doues La piazza dell’Anfiteatro prende il nome dalla sua caratteristica forma semicircolare che ne sottolinea l’identità di centro paese, circondata da antiche e importanti case. Vicina alla pregevole Chiesa Parrocchiale di San Biagio gode di una bellissima vista sulla vallata e sulle cime circostanti.

Il concerto di Doues può essere considerato come un addio a Ezio Bosso, il musicista e direttore d’orchestra è morto a soli 48 anni per le complicanze della malattia neurodegenerativa della quale soffriva dal 2011. Una malattia che fino a qualche anno fa non gli aveva impedito di suonare e incantare il pubblico. Un artista incredibile che aveva fatto della sua disabilità un vanto: “Sono un uomo con una disabilità evidente in mezzo a tanti uomini con disabilità che non si vedono” era una delle sue citazioni più note.

Sarà un grande pomeriggio  e serata per omaggiare un grande musicista  un appuntamento di assoluto rilievo mercoledì 21 luglio alle ore 21. Il Festival Combin en Musique è ideato e curato dall'associazione culturale Combin en Arts, realizzato col sostegno del Consiglio Valle, dell'Assessorato regionale dei Beni Culturali, Turismo, Sport e Commercio e dei Comuni di Doues, Ollomont e Valpelline.
 
«Il concerto – spiega il Maestro Giacomo Agazzini – porta all’attenzione del pubblico il repertorio del Quartetto in un viaggio tra le opere ispirate alla poesia, al cinema (da Salvatores a Hitchcock) e due fuori programma: uno legato alla grande classica e uno alla musica contemporanea. Non mancheranno ricordi sul musicista e grande divulgatore Ezio Bosso, oltre alla guida all’ascolto sui brani tratti dagli album Sony, ad esempio “Emily Dickinson”, “Music for the Lodger” e “Io non ho paura”».
 
IL PROGETTO
 
Il Quartetto zero nasce nel 2021 con un evento dedicato ad Ezio Bosso, come un omaggio che alcuni dei musicisti che gli sono stati più vicini vogliono tributargli. È formato da musicisti torinesi provenienti da importanti realtà concertistiche come il Quartetto di Torino, il Quartetto Borciani ed il Buxusconsort. Il loro obiettivo è quello di iniziare un percorso che parta dal ricordo di Ezio, dalla volontà di diffondere la musica che ha lasciato, anche affiancandole il repertorio tradizionale e contemporaneo, per creare un nucleo che possa coinvolgere altri musicisti in progetti concertistici e didattici. Il primo violino e la violoncellista, Giacomo Agazzini e Claudia Ravetto, hanno collaborato con Ezio in un lunghissimo arco della sua carriera artistica, sin dagli esordi; insieme alla violinista Roberta Bua sono stati protagonisti di gran parte delle registrazioni presenti nella raccolta discografica “Ezio Bosso - A Life In Music”, pubblicato da Sony Classical.
 
 
TUTTI GLI EVENTI DEL 21 LUGLIO
 
L’evento serale sarà preceduto sempre all’Anfiteatro di Doues alle 17.30 per l’incontro dedicato alla musica di Bosso, “A proposito di Ezio”, con la partecipazione di Tommaso Bosso, curatore del lascito intellettuale del Maestro Ezio Bosso, il violinista Giacomo Agazzini del Quartetto Zero, e il moderatore Enrico Montrosset.

L’incontro non è l’unico evento off della giornata. Quest’anno infatti il Festival Combin en Musique è sempre più aperto ad esperienze trasversali che abbinano alla grande musica risvolti ambientali, storici e attività outdoor.

La giornata in omaggio a Bosso si intreccia così con la passeggiata culturale e naturalistica sostenuta dall’associazione Nordic Walking Grand Combin, con partenza effettiva alle ore 15:30 presso l'area delle manifestazioni Pro Loco . L’itinerario adatto a tutti  partirà dal Padiglione della Pro Loco per percorrere attraverso l’area boschiva un facile sentiero fino alla frazione di Dialley del comune di Doues: in questo delizioso borgo ci sarà la visita guidata all’Antica Latteria turnaria dove il tempo pare si sia fermato e tutto è rimasto al proprio posto. Questo sito normalmente non è visitabile e verrà aperto appositamente per l’occasione.

Il ritorno è programmato per consentire comodamente l’accesso all’evento pomeridiano dall’Anfiteatro di Doues. Il coinvolgimento dell’Associazione Nordic Walking Grand Combin farà riflettere sulla salubrità di questo sport a contatto con la natura e praticabile ad ogni età.

Una vera e propria lezione itinerante e dimostrativa con ritrovo alle 15:15  l’Associazione Nordic Walking Grand Combin- darà nozioni generali su questa disciplina mettendo a disposizione dei partecipanti i bastoncini per la camminata. Parlerà inoltre dei benefici dell’attività outdoor dopodiché  si andrà a scoprire diverse perle nel corso dell’itinerario come l’antico forno e la latteria turnaria di Dialley, per risalire poi alla ponderale di Tzan Mort attraverso punti panoramici e particolarmente suggestivi.

pgc

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore