/ CRONACA

CRONACA | 11 giugno 2021, 08:52

Assolti anche in Appello i cinque imputati nel processo per i lavori all'acquedotto di Valpelline

Assolti anche in Appello i cinque imputati nel processo per i lavori all'acquedotto di Valpelline

La Corte di Appello di Torino ha confermato la sentenza di primo grado di assoluzione per quattro dei cinque imputati nel processo con rito abbreviato per i lavori sull'acquedotto di Valpelline e di realizzazione degli impianti idroelettrici di Arpisson e Fouillou.

Assolto anche l'unico imputato che era stato condannato per falso dal tribunale di Aosta, ovvero Bruno Nex (60) di Doues, legale rappresentante della società committente dei lavori (Ceab srl).  Assoluzione ribadita invece per il sindaco di Ollomont Joel Creton, 43 anni, che era imputato in qualità di direttore lavori, Marco Magliano (39), di Aosta, socio di Bruno Nex, David Nex (39), di Doues, legale rappresentante della società che ha realizzato materialmente i lavori (Alpiscavi srl), Ermanno Riva Rivot (54), già vice-sindaco (2010-2013) e sindaco (2013-2015) di Valpelline.

Alcuni capi di imputazioni sono stati estinti per sanatorie mentre per altri i giudici si sono pronunciati con la formula del "fatto non sussiste".

Tra le accuse c'era quella dell'acquedotto comunale 'deviato' a favore di una centrale idroelettrica privata, ma anche quella contro il sindaco che da dipendente regionale istruiva la pratica per garantire contributi Gse alla società che realizza l'impianto, senza riferire al proprio dirigente che sua moglie lavorava anche per l'impresa esecutrice.

I reati ipotizzati erano: tentato abuso d'ufficio (Riva Rivot, difeso dagli avvocati Nilo Rebecchi e Carlo Curtaz), concorso in indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (Bruno Nex, difeso dall'avvocato Gianni Maria Saracco che assiste anche David Nex, e Magliano, difeso dall'avvocato Saverio Rodi che assiste anche Créton), concorso in appropriazione indebita con abuso di prestazione d'opera, violazione colposa di doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale o dall'autorità amministrativa, violazione della normativa edilizia e paesaggistica (Créton, Bruno e David Nex), falso ideologico (Créton e Bruno Nex).

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore