/ ECONOMIA

ECONOMIA | 20 febbraio 2021, 09:49

Cassa integrazione in diminuzione ma lontana dalla normalità

A gennaio 2021 le ore di Cig ammontano a 217 milioni e, rispetto al gennaio 2020 (non c'era ancora la pandemia), segnalano una crescita del +762%. Un dato poco rassicurante

Cesare Damiano

Cesare Damiano

“La Cassa Integrazione rappresenta un validissimo termometro che misura l'andamento dell'economia e della occupazione". Lo dichiara Cesare Damiano, già ministro del Lavoro e consigliere Inail. "Il 2020 - ricorda - si è chiuso con un balzo straordinario e inconsueto nelle ore autorizzate dall'Inps rispetto all'anno precedente: +1.467%, con oltre 4 miliardi e 300 milioni di ore autorizzate nell'arco dei 12 mesi, a dimostrazione della gravità e della profondità della crisi che stiamo attraversando. A gennaio 2021 le ore di Cig ammontano a 217 milioni e, rispetto al gennaio 2020 (non c'era ancora la pandemia), segnalano una crescita del +762%. Un dato poco rassicurante. Se esaminiamo l'andamento per macroaree il primato, non invidiabile, lo detiene il Nord Est con un +1.293% (gennaio 2021 su gennaio 2020)".

"Occorre però osservare - rileva Damiano - che il trend delle ore di Cig autorizzate è in diminuzione rispetto allo scorso anno che è stato mediamente, su base mensile, di 361 milioni. Un positivo raffreddamento che non vuole, però, significare un ritorno alla normalità. Un analogo andamento lo registriamo per quanto riguarda la pandemia: i 600 morti giornalieri registrati a dicembre, picco assoluto del 2020, si sono abbassati da gennaio ad oggi arrivando a una media di circa 400 decessi giornalieri.

Il rallentamento è positivo, ma la normalità è ancora lontana e, soprattutto, se si abbassa la guardia, i pericoli sono dietro l'angolo. E il Premier Draghi questo lo sa benissimo e sono sicuro che troverà le giuste risposte per difendere salute e occupazione", conclude.

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore