/ ECONOMIA

ECONOMIA | 15 febbraio 2021, 08:00

Aziende agricole in difficoltà per aumento prodotti stoccati"

La denuncia di Coldiretti VdA per il perdurare dell’emergenza pandemica sta mettendo a dura prova il mondo agricolo dell’intera penisola: il blocco delle vendite, la chiusura del canale della ristorazione, le fake news e le speculazioni sui prezzi mettono a rischio la sopravvivenza di molte aziende

Alessio Nicoletta

Alessio Nicoletta

La situazione di crisi è aggravata dalla stagnazione dell’economia a livello mondiale dovuta alla pandemia che incide pesantemente sul potere di acquisto delle famiglie e ne determina il conseguente calo dei consumi, anche di tipo alimentare. 

In Valle d’Aosta, in particolare, le aziende agricole si stanno misurando con il grave problema dei beni e dei prodotti invenduti a causa del lockdown e dell’assenza di turisti in Valle d’Aosta. “In cima alla lista dei soggetti penalizzati ci sono, senza dubbio, gli agriturismi, le aziende vitivinicole e il settore dei trasformati, ovvero tutte le realtà impegnate nella vendita diretta dei loro prodotti” spiega Alessio Nicoletta, Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta.

Solo per il settore del vino, sottolinea Coldiretti, si registra un 20% in più di giacenza media nelle cantine rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: il dato equivale a circa 600mila bottiglie che non sono state collocate sul mercato. “Se escludiamo la vendita attraverso il circuito della grande distribuzione, la percentuale del 20 o 30% in più di invenduto è stimabile anche per prodotti come la Fontina, i succhi, le marmellate e tutti i prodotti trasformati che le nostre aziende proponevano in particolare ai turisti” spiega Elio Gasco, direttore di Coldiretti Valle d’Aosta.

Peraltro le stesse aziende del mondo agricolo, proprio per la peculiarità del loro settore, non si possono fermare e devono continuare a svolgere il loro lavoro, dalla coltivazione dei campi alla cura degli animali sostenendo i costi di produzione delle loro aziende anche in assenza di introiti.

“Sentiamo fortemente la necessità di essere traghettati fuori da questa crisi con tutte le misure utili alla sopravvivenza e al rilancio delle nostre aziende che rappresentano un grande valore aggiunto per la nostra regione” sottolinea ancora Alessio Nicoletta.

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore