/ Aosta Capitale

Aosta Capitale | 20 gennaio 2021, 17:11

Aosta: R. Favre (FI), 'Censurato operato legittimo della minoranza consiliare comunale'

Renato Favre

Renato Favre

"Quanto accaduto questa mattina in Consiglio comunale ad Aosta, ha dimostrato una volta di più l'incapacità della maggioranza capitanata dal sindaco Nuti di volere affrontare nel merito i numerosi problemi che attanagliano la città". Dopo Rinascimento, anche il gruppo di Forza Italia in una nota protesta per la decisione del Presidente del Consiglio comunale di Aosta, Luca Tonino, di rigettare alcune domande di attualità presentate dalla minoranza. "

"Attraverso la sapiente regia del presidente del Consiglio comunale - commenta il consigliere di Forza Italia e vice presidente dell'Assemblea aostana, Renato Favre - che ha interpretato il regolamento consiliare a uso e consumo della sua stessa maggioranza, sono state rigettate tutta una serie di domande di attualità che, invece, non soltanto era possibile, ma era doveroso accettare e discutere".

E ancora: "Quanto avvenuto è da stigmatizzare nella maniera più assoluta, in quanto l'arbitro si è trasformato in allenatore-giocatore della maggioranza. Una maggioranza che cerca di nascondere la propria incapacità propositiva ormai cronica, che l'ha portata in questa adunanza a promuovere appena due punti all'ordine del giorno sugli oltre 30 in discussione, tentando di mettere il bavaglio al dibattito consiliare promosso dai gruppi di opposizione. Della serie: se non lavoriamo noi, facciamo in modo che nemmeno la minoranza lavori".

Secondo Favre si è trattato "di una tattica ostruzionistica suicida, che noi respingiamo con forza, così come respingiamo con forza il modus operandi adottato dal presidente del Consiglio comunale, che richiamiamo anzi ai suoi doveri di trasparenza e di imparzialità al fine di garantire e tutelare un dibattito consiliare libero da qualsivoglia condizionamento".

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore