/ ISTRUZIONE E FORMAZIONE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE | 14 settembre 2020, 07:33

All'ombra delle misure antiCovid suona la campanella per quasi 18 mila studenti valdostani

Le aule del 'Berard' provvisorio pronte ad accogliere gli studenti

Le aule del 'Berard' provvisorio pronte ad accogliere gli studenti

Aprono oggi agli studenti i primi moduli prefabbricati in viale Chabod ad Aosta dove sono allestite 15 aule del liceo linguistico e scientifico Edouard Bérard, ad Aosta. Lavori iniziati il 12 agosto e terminati domenica 13 settembre, poche ore prima della cerimonia di consegna dei lavori.

Una scommessa vinta per l'assessorato regionale dell'Istruzione e soprattutto per le imprese valdostane coinvolte nel progetto: Chenevier spa di Charvensod, Atelier Projet studio associato di Aosta, Ediluboz srl di Villeneuve, Copro srl di Etroubles e Besenval costruzioni srl di Sarre . Entro il 30 ottobre altre 20 aule dovranno essere consegnate oltre alla segreteria e ai laboratori; infine a novembre sarà pronta la palestra.

La consegna della scuola 'provvisoria' rappresenta per la Valle un segnale di speranza in questo avvio di anno scolastico pieno di incertezze e timori. Questa mattina rientrano in classe circa 18.000 studenti valdostani dalla scuola dell'Infanzia alla Secondaria; con loro il personale docente e non che si deve confrontare con le rigide norme di prevenzione sanitaria: l'emergenza Covid-19 non è mai cessata, per l'imminente autunno è previsto un aumento di contagi "dovuto certamente anche alla ripresa della scuola in presenza" ha più volte sottolineato nei giorni scorsi Silvio Brusaferro, direttore dell'Istituto Superiore della Sanità. 

I primi a doversi responsabilizzare sono i genitori: dovranno misurare la febbre ai figli prima di uscire di casa e dotarli delle misure di protezione basilari: mascherine e gel disinfettante. Gli alunni a scuola dovranno mantenere il distanziamento sociale in classe, in mensa e in tutti gli spazi interni ed esterni e dovranno lavare e igienizzare le mani più volte al giorno: la sfida per maestri e professori sarà riuscire a far rispettare queste poche ma fondamentali regole.

 

Così è suddivisa la scuola in Valle: Infanzia circa 2800 bimbi; Primaria 5800; Secondaria primo grado 3600 circa; Secondaria poco meno di 5700. 

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore