/ ECONOMIA

ECONOMIA | 06 agosto 2020, 22:22

Damiano 'Cig e blocco licenziamenti vadano di pari passo'

Cesare Damiano

Cesare Damiano

"La Cassa integrazione da Covid e il blocco dei licenziamenti vanno prorogati almeno fino alla fine dell'anno". Lo dichiara Cesare Damiano, già ministro del Lavoro e presidente dell'Associazione Lavoro e Welfare.

"Sono due normative - spiega - che debbono procedere di pari passo, con le stesse date di scadenza. Interrompere la Cig il 15 ottobre, cioè alla data attualmente prevista per la fine dell'emergenza, sarebbe sbagliato, miope e senza senso. Sarebbe come interrompere la cura di antibiotico appena la febbre del paziente diminuisce. Tutti i medici lo sconsigliano. Mi auguro che il Governo non commetta questo errore. È vero che la Cig autorizzata dall'Inps nel mese di giugno è scesa a 434 milioni di ore rispetto agli 871 milioni di ore di maggio, ma è altrettanto vero che si tratta di dosi di Cassa Integrazione mai viste prima. La febbre è diminuita, ma il malato va ancora curato e la crisi è di straordinaria gravità. Se continua così a fine anno supereremo agevolmente i 3 miliardi di ore autorizzate". "Non separiamo, dunque, il momento della tutela, che va gradualmente accompagnato verso il suo superamento e verso la normalità, dal momento degli investimenti e della ripresa. Si tratta di due facce della stessa medaglia", conclude.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore