/ Aosta Capitale

Aosta Capitale | 03 agosto 2020, 22:30

Elezioni: Aosta; La lega mette in campo un architetto e un 'usato sicuro'

Sergio Togni un professionista 'con tanti sogni', Bruno Giordano già sindaco di Aosta sono le catapulte per sfondare l'Hotel de Ville

Sergio Togni e Bruno Giordano

Sergio Togni e Bruno Giordano

"Aosta, in questi cinque anni a guida Centoz, non si è 'riscattata' ovvero non è riuscita a concretizzare i progetti lasciatigli in eredità dalla precedente legislatura ovvero proprio da Bruno Giordano. La città ha bisogno di essere riprogettata; io di progetti me ne intendo e credo di essere l'uomo giusto al posto giusto". Non nasconde le proprie velleità Sergio Togni, architetto e candidato della Lega VdA a sindaco di Aosta alle prossime elezioni comunali, che si è presentato così lunedì 3 agosto ai giornalisti nella sala convegni dell'Hostellerie du Cheval Blanc. A fare gli onori di casa Marialice Boldi, segretaria della Lega VdA, il consigliere regionale, Paolo Sammaritani, e Nicoletta Spelgatti, già presidente della Giunta e leader della Lega VdA alla quale è spettato l'onore di presentare il 'ticket' leghista candidato a sostituire Fulvio Centoz e Antonella Marcoz.

da sn: Sammaritani, Boldi, Togni, Giordano, Spelgatti

Nel sottolineare la convinzione che, "la Lega è un partito veramente trasparente e composto da persone rispettabili, senza secondi fini",  Togni ha spiegato di aver detto subito sì alla proposta di candidatura "perché da anni studio e cerco di comprendere la politica e l'Amministrazione pubblica e ora ho l'occasione di mettere a profitto della comunità la mia esperienza e i miei studi". Togni ha poi sottolineato di essere nato "in uno dei quartieri operai di Aosta (quartiere Cogne ndr), e ci ho vissuto per tanti anni, quindi conosco le esigenze di larghe fasce di popolazione e le periferie".

Bruno Giordano, con una certa dose di autoironia si è definito "un usato sicuro e al momento indipendente". Infatti fu assessore alle Attività produttive dal 2005 al 2010 e sindaco di Aosta dal 2010 al 2015, costretto poi ad abbandonare per un accordo trasversale tra Augusto Rollandin e Fulvio Centoz, all'epoca segretario del Pd, e a lasciare posto all'attuale sindaco. Giordano ha colto l'occasione per attaccare il suo successore, colpevole "di affidarsi alle promesse del Bando Periferie che se poi viene meno come sta accadendo rischia di rendere complicata la chiusura di un bilancio".

Anticipando alcune linee del programma, Giordano ha fatto perno sul rifinanziamento della legge Aosta Capitale "che vale tre milioni di euro" ma per realizzarla è necessario "un rapporto sinergico con la Regione". Così come ha ravvisato la necessità del "rafforzamento dello Sportello unico del cittadino e delle imprese".

Per Bruno Giordano "Aosta deve essere turistica" ma per esserlo "deve essere una città pulita, sicura, ordinata, dove la gente non ha paura di andare a passeggio; quello che conta è la percezione della sicurezza". Per questo, ha quindi aggiunto "è necessario un progetto di dimensione internazionale potremo trasformare i seimila 250 punti luce di Aosta in led e su ogni su ogni punto luce, potremo piazzare una telecamera di videosorveglianza".

Il candidato sindaco parlando del programma, "innovativo e di grande completezza", ha sottolineato di averlo scritto tutto da solo, "senza scelte o imposizioni altrui". Sostenendo che la città "non ha bisogno di grandi opere calate dall'alto", il candidato alla fusciacca di primo cittadino aostano si è detto convinto che Aosta necessiti di "lavori a misura di cittadino,  progetti 'verdi' con meno cemento e tanti spazi aperti e per tutti; i muri sono ostacoli, meno ne costruiamo meglio è". Ha poi definito il suo partner "un uomo di grande competenza amministrativa, con un esperienza da assessore prima e da sindaco poi, che gli permetterà di partire con la quinta ingranata per mettere mano ai tanti dossier ancora aperti e che devono trovare presto una giusta destinazione".

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore