/ CULTURA

CULTURA | 22 gennaio 2018, 12:00

Catalogna: quale futuro per l'indipendentismo catalano?

Martedì 23 gennaio 2018 – Sala delle Conferenze del Savt - Aosta Via Giorgio Carrel 4

Catalogna: quale futuro per l'indipendentismo catalano?

Sulla crisi catalana l'unico punto fermo è che i catalani hanno votato il nuovo Parlamento, il vecchio era stato sciolto dal Governo di Madrid e gli ex ministri catalani quasi tutti arrestati.

In queste elezioni del 21 dicembre 2017, volute dal primo ministro spagnolo Rajoy, è stata confermata la vittoria dell'area indipendentista catalana. Il dibattito interno ai partiti indipendentisti catalani se andare a votare o no è stato aspro e difficile ma alla fine hanno accettato le elezioni e anche se in ordine sparso, le hanno vinte.

Oggi è un momento cruciale per il percorso indipendentista: si deve decidere se staccarsi dallo stato spagnolo o rimanere parte integrante dello stesso. La crisi catalana è fatta però  esclusivamente di interrogativi senza nessuna certezza. Quale sarà la nuova composizione del nuovo Governo del  Parlamento catalano? La vittoria  degli indipendentisti e la sconfitta del primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, a cui il Presidente “in esilio” catalano, Puigdemont, ha già chiesto di accettare la volontà degli elettori, mette Madrid in una situazione politicamente difficile. Rajoy accetterà questa sconfitta politica?

La sospensione dell’autonomia catalana, fino ad oggi, è avvenuta  senza feriti ne scontri di piazza e  le elezioni hanno dimostrato ancora una volta la grande responsabilità civile dimostrata da tutto il popolo catalano. Anche se è evidente la spaccatura tra chi vuole restare sotto il Governo spagnolo e chi crede nella nuova Repubblica catalana. Se il Governo centrale spagnolo forzerà la mano con nuovi arresti e nuove sanzioni, gli indipendentisti potranno facilmente sostenere che Madrid vuole far tacere i leader secessionisti contro il risultato espresso dalle urne.

Quale futuro per la comunità catalana: l’indipendenza della Catalogna non sarà una realtà per molti decenni? Saranno avviate complicate mediazioni e difficili negoziati con il potere centrale? Se i movimenti indipendentisti proclameranno la Repubblica catalana, Madrid rispetterà la volontà democraticamente espressa dal nuovo Governo e dal popolo catalano?

Per rispondere a tutti questi interrogativi Il Savt organizza Martedì 23 gennaio 2018, alle ore 1700, presso la Sala Conferenze del Savt di Aosta in Via Giorgio Carrel, 4,  una conferenza dibattito: Catalogna: quale futuro per l'indipendentismo catalano?, tenuta dal Professor Aurelì Argemì, Presidente Emerito del Centro Internazionale Escarré per le Minoranze Etniche e Nazionali (CIEMEN) di Barcellona (nella foto sopra).

Alla conferenza interverrà Il Presidente del Consiglio della Valle d'Aosta, Joël Farcoz.

red. spe.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore