/ Aosta Capitale

Aosta Capitale | 27 novembre 2019, 18:30

Aosta: Capitale? Sì delle mostruosità. L'albero di natale 4.0 e lo scattolone per Quendoz

Per non spendere duemila euro hanno deturpato il salotto di aosta con uno scattolone ponteggio che nemmeno nel più remoto cantiere edile si vede. Per il restauro del monumento si poteva realizzare un Cantiere-Evento come quelli ideati da Laurent Vierin e Emily Rini. Ma ci vuole fantasia, memoria e iniziativa

Il pacco alle spalle dell'albero di Natale in piazza Chanoux

Il pacco alle spalle dell'albero di Natale in piazza Chanoux

Bel vivere quello del sindaco di Aosta, Fulvio Centoz, che fuori orario di ufficio si gode il savoir faire del suo sindaco, Ronny Borbey, e le bellezze di Charvensod dove abita, mentre i cittadini di Aosta sono soffocati H24 dalle brutture, dalle mostruosità urbanistiche e dalla trascuratezza. I lumini natalizi in alcune vie di Aosta sono l’elemento caratterizzante dell’incapacità amministrativa della FCG.

L'albero di Natale 2018 senza il pacco della FCG che non ha saputo programmare i lavori  né abbellire il ponteggio del Monumento al Soldato. Ma con uno scatto di orgoglio la FCG potrebbe rimediare prima di Natale e l'arrivo dei turisti.

A Charvensod, dove abita, ogni giorno se ne inventano un per far godibile il territorio, mentre la Fulvio Centoz Giunta non dorme di notte per inventarsi lo squallore per il giorno dopo. La FCG è riuscita persino a rovinate anche le foto che i turisti scattano in piazza Chanoux.

L’albero tecnologico 4.0 della Chambre è soffocato dallo scatolone che ha alle spalle. Un tempo, a Natale, i pacchi si mettevano sotto l’abete. Oggi la FCG  ha messo il pacco proprio alle spalle del magnifico albero voluto da Nicola Rosset, presidente della Chambre, per coprire la facciata del municipio e così chi sale sull’abete bianco vede un obbrobrio unico del suo genere che potrebbe essere candidato al premio schifo dell’anno.

Eppure bastava poco. Sarebbe stato sufficiente coprire il ponteggio per i restauro del Monumento al Soldato con un telo antivento decorato con la riproduzione dell'opera una volta ultimata.

Sarebbero bastati un paio di migliaia di euro per evitare lo schifo e sarebbe stato facile trovare gli sponsor. Ma per trovare gli sponsor bisogna muoversi e darsi da fare. La burocrazia dovrebbe lavorare e la FCG avrebbe dovuto dedicarsi con amore e passione; ma oggi la priorità sono le elezioni comunali.

Questa sarebbe Aosta Capitale del Turismo e della Cultura della FCB? No! questa è Aosta Capitale della trascuratezza, del menefreghismo, dei progetti che rimangono nei cassetti, dello squallore.

Fortunatamente l’assessore regionale Laurent Vierin ha fatto ritornare i dinosauri che si sono accampati in piazza Arco d’Augusto e davanti al cancello della Testafochi dove dovrebbe nascere la nuova università. Come dire che prima che sia ultimata faranno a  tempo ritornare sulla terra i dinosauri. Peccato che Vierin non ne habbia fatto tornare un paio in Piazza della Cattedrale per oscurare i sarcofagi Centoz.

Ma fortunati i turisti che nelle loro foto ricordo avranno l’Arco d’Augusto diverso dalle solite immagini che si vedono nei libri o in internet. I dinosauri promuovono una fantastica mostra, e dall’altra eviteranno ai turisti di fotografare l’attuale bruttezza della piazza Arco d’Augusto, da mesi abbandonata, buia e priva di addobbi natalizi, veramente molto triste.

Un gran bel biglietto da visita firmato FCG.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore