ISTRUZIONE E FORMAZIONE | domenica 22 settembre 2019 04:29

ISTRUZIONE E FORMAZIONE | 28 agosto 2019, 08:00

L’ Anno scolastico 2019/20 il 12 settembre parte anche in Valle d’Aosta

Ritorno a scuola: le sette regoleper sopravvivere elaborate da Skuola.net il siti primo in Italia per l’informazione scolastica e universitaria. Nel frattempo l'assessora regionale Chantal Certan è impegnata con i dirigenti ad organizzare al meglio l'avvio dell'anno scolastico

L’ Anno scolastico 2019/20 il 12 settembre parte anche in Valle d’Aosta

Il primo giorno dell'anno scolastico 2019/2020 si avvicina e, a partire dalla prossima settimana, gli studenti inizieranno a tornare in classe. Le prime campanelle suoneranno a Bolzano, poi toccherà agli studenti del Piemonte. A tracciare la mappa delle prime campanelle è il sito Skuola.net che ha analizzato i calendari scolastici pubblicati dalle Regioni.

Anche se, in base all'autonomia, ogni consiglio di istituto può modificare la data dell'inizio delle lezioni, magari anticipando di qualche giorno il ritorno in classe in modo da poter usufruire durante l'anno di qualche "ponte" in più, Proprio da lunedì 9 settembre inizia la settimana "calda" del ritorno sui banchi.   Mercoledì 11 settembre sarà il primo giorno del 2019 per gli alunni delle scuole della Basilicata, della Campania, dell'Umbria e del Veneto.

In Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Sicilia, provincia di Trento e Valle d'Aosta, invece, si torna giovedì 12 settembre. Lunedì 16 settembre si aprono i cancelli degli istituti in Abruzzo, Lazio, Emilia-Romagna, Marche, Molise, Toscana, Liguria, Calabria, Sardegna. Ma c'è chi potrà rilassarsi ancora un paio di giorni prima di avere a che fare nuovamente con lezioni, compiti e interrogazioni. Sono i ragazzi della Puglia, gli ultimi a sedersi di nuovo di fronte alla lavagna. Per loro è tutto rimandato a mercoledì 18 settembre 2019.

Ritorno a scuola: le regole per sopravvivere

Allora, come rientrare alla quotidiana realtà scolastica senza di rischiare di "non avere più birra"?

La risposta e di Skuola.it

La parola d'ordine è efficienza! Ovvero meglio poco tempo sfruttato al massimo che tanto sprecato, infatti il tempo risparmiato allo studio potrà essere impiegato in attività ricreative varie, che vi aiuteranno a mantenere l'equilibrio psico-fisico guadagnato durante la vacanza. E' deleterio, infatti, passare dal totale relax al totale impegno!

Ecco quindi i sette comandamenti per la sopravvivenza al rientro a scuola: Quando studiate via cellulari e chat, al massimo vi permettiamo Skuola.net.

Lo sappiamo tutti, se li abbiamo di fronte la tentazione di usarli è irresistibile.   Mettete a punto, se non lo avete, un metodo di studio adeguato. Maggiori consigli sul metodo di studio li troverete nella sezione Metodo di studio.

Definite un numero di ore giornaliere di studio e stabilite una divisione del tempo in funzione dei compiti da svolgere: quando abbiamo un termine ben preciso, siamo molto più rapidi a svolgere le varie mansioni.

Quando avanza del tempo rispetto a quanto stabilito, e non sapete come utilizzarlo, provate ad anticiparvi dei compiti.

Può essere utile per liberare il tempo in qualche attività più costruttiva che ancora non avete pianificato.

Lasciatevi del tempo libero da passare con i vostri amici e per praticare attività sportive. Oppure potreste conoscere nuove persone e aiutare gli altri sul nostro forum. Sembra tempo rubato allo studio, ma è fondamentale per il benessere personale e quindi per poter rendere al massimo.

Per riabituare il corpo al nuovo ritmo, cercate di andare a letto e di svegliarvi sempre alla stessa ora. Il corpo si abituerà così ai nuovi ritmi veglia/riposo imposti dal dover ritornare a frequentare le lezioni. Ritornate a un'alimentazione regolare.

Il vostro corpo infatti può infatti essersi rammollito in questi giorni di ingordigia e scarso movimento.

Niente diete drastiche o fai da te, ma solo qualche piccolo accorgimento per tornare in forma.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore