CRONACA | giovedì 18 luglio 2019 13:51

CRONACA | 24 giugno 2019, 15:59

Processo Longarini: Dall'ex pm iniziative 'improvvide' ma non furono reati

Pasquale Longarini

Pasquale Longarini

In 79 secondi, tanto durò quella telefonata del gennaio 2016, l'allora pm aostano Pasquale Longarini non avrebbe potuto fare granché per favorire illecitamente il suo amico Gerardo Cuomo. Lo ha messo nero su bianco il gup di Milano Guido Salvini nelle motivazioni - depositate questa mattina alla Cancelleria del tribunale meneghino - della sentenza con la quale ha assolto l'ex procuratore capo di Aosta (ora giudice civile a Imperia) dalle accuse di di induzione indebita, rivelazione di segreto d'ufficio e favoreggiamento.

La telefonata 'incriminata' fu fatta da Longarini la mattina del 4 gennaio 2016 al direttore dell'Hotel Royal e Golf di Courmayeur, Claudio Coriasco, per segnalare l'imprenditore e suo amico Gerardo Cuomo quale fornitore di formaggi e altri prodotti alimentari. Titolare dell'Hotel Royal è l'imprenditore valdotano Sergio Barathier, che all'epoca era sotto inchiesta (penale e fiscale e dalla quale fu poi assolto in formula piena) in un'indagine di cui era titolare lo stesso Longarini.  La telefonata avvenne in un bar vicino al Tribunale in presenza di Gabriele Accornero, all'epoca funzionario di Finaosta e presidente del Forte di Bard (recentemente condannato per reati di corruzione).

"Per quanto improvvida possa essere stata l'iniziativa del dottor Longarini -si legge nelle motivazioni del gup Salvini - si tratta di una telefonata di 79 secondi avvenuta per di più in un luogo pubblico in cui, esauriti i convenevoli e le notizie circa le relative famiglie, ben poco l'imputato può aver detto per favorire Gerardo Cuomo. Inoltre non vi è alcuna traccia, nonostante l'ampiezza delle indagini svolte, di un interessamento successivo del dottor Longarini in merito ai rapporti commerciali tra Cuomo e Barathier".

Per l'accusa quella telefonata era avvenuta dopo che la sera precedente Cuomo si era recato presso l'hotel Royal &Golf di Courmayeur insieme ad Accornero, per uno dei tanti approcci per concludere quel contratto di fornitura.

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore