/ Informazioni pratiche

Informazioni pratiche | 18 marzo 2024, 07:00

Vendere un immobile in tempi brevi: è possibile?

Quando, a prescindere da quali siano le proprie motivazioni, si decidere di vendere la propria casa, l’aspirazione che normalmente si ha è quella di concludere l’affare in tempi piuttosto rapidi.

Vendere un immobile in tempi brevi: è possibile?

Quando, a prescindere da quali siano le proprie motivazioni, si decidere di vendere la propria casa, l’aspirazione che normalmente si ha è quella di concludere l’affare in tempi piuttosto rapidi; ciò può rivelarsi abbastanza complesso, in particolar modo se non si ha nessuna idea dei passaggi da seguire.

Infatti, se voglio vendere un immobile è necessario che tenga conto dei diversi fattori che influiscono sui tempi del processo fra cui, tanto per fare un semplice esempio, la sua ubicazione, che può essere più o meno appetibile. Determinate zone, infatti, sono decisamente meno ricercate di altre e possono essere richiesti tempi più lunghi per riuscire a trovare un compratore interessato.

Cerchiamo quindi di capire quale sia la trafila più idonea per cercare di vendere una proprietà in tempi ragionevoli.

Vendere un immobile: è possibile operare in autonomia?

Se si è presa la decisione di vendere la propria casa, è importante decidere innanzitutto attraverso quale modalità venderla. 

Si può per esempio decidere di operare in autonomia; si tratta di una scelta sicuramente fattibile che ha ovviamente pro e contro. Un aspetto sicuramente positivo è che non è necessario affrontare spese di mediazione che normalmente vengono calcolate percentualmente basandosi sul valore attribuito alla casa. Una questione però complessa da affrontare è quella della giusta valutazione; o si è dei veri esperti del settore, oppure la valutazione di un immobile può risultare non veritiera e quindi eccessiva (il caso più frequente perché condizionato dalle proprie aspettative) o, peggio, inferiore al prezzo di mercato. Un altro aspetto di cui si deve necessariamente tenere conto se si decide di operare in prima persona senza ricorrere a intermediari, è che sarà necessario gestire tutti gli aspetti della transazione, anche quelli burocratici, e ciò può risultare complesso se non si ha una certa dimestichezza in materia.

Va inoltre considerato che può non essere semplice raggiungere un potenziale acquirente; sarà necessario inserire annunci pubblicitari presentando nel miglior modo possibile la propria abitazione. Se poi si sarà contattati da potenziali clienti, si dovrà procedere con una scrematura delle varie proposte e intavolare trattative che non sempre sono facili da gestire poiché il potenziale acquirente cerca sempre, com’è naturale che sia, di ottenere un certo sconto sul prezzo proposto. Tutto ciò può richiedere una quantità di tempo e una dose di pazienza non indifferenti e ovviamente comporta anche alcune spese, in particolare quelle pubblicitarie.

Se ci si sente in grado di gestire tranquillamente i vari aspetti, la scelta di operare in prima persona può comportare un certo risparmio economico, un fattore che è giusto tenere in debita considerazione. I tempi necessari alla finalizzazione dell’operazione potrebbero però non essere brevi.

Vendere la propria casa: l’opzione dell’agenzia immobiliare

Se per vendere il proprio immobile si decide di rivolgersi a un’agenzia vi sono due opzioni possibili: vendere direttamente all’agenzia oppure vendere tramite essa.

La vendita diretta a un’agenzia è probabilmente il modo più rapido per concludere l’affare. Diversa è l’altra soluzione, ovvero quella di vendere casa affidandosi ai servizi dell’agenzia. L’aspetto positivo principale di questa opzione è che tutta la gestione della vendita è a carico dell’agenzia che segue il cliente in tutto e per tutto, fornendo anche una stima accurata del valore dell’immobile e una consulenza a 360 gradi su tutti i vari aspetti della transazione. Ciò libera totalmente il venditore da tutti gli aspetti pubblicitari e burocratici che dovrebbe affrontare qualora decidesse di operare in autonomia. Anche i tempi di vendita sono in genere piuttosto rapidi.

Per contro, l’affidarsi completamente a un’agenzia comporta il pagamento di una commissione. Di norma, salvo specifici accordi, il pagamento della commissione è dovuto sia da chi vende sia da chi compra; entrambe le parti in causa infatti usufruiscono della mediazione operata dall’agenzia. Non esiste una commissione standard stabilita per legge; essa infatti viene decisa in piena autonomia dalle singole agenzie immobiliare e, mediamente, si aggira sul 3% del prezzo di vendita.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore