/ CRONACA

CRONACA | 30 novembre 2023, 08:10

Al via la terza edizione del progetto Bondzor con diverse novità

Anche i bambini e le bambine delle scuole dell’infanzia partecipano alle camminate di 15 minuti prima delle lezioni per risvegliare la mente. Per gli alunni delle primarie ideate delle giornate ad hoc per sperimentare altri sport

Al via la terza edizione del progetto Bondzor con diverse novità

Due anni di ottimi risultati sia in termini di partecipazione che di riscontri “concreti” hanno portato l’Amministrazione comunale di Charvensod a proporre, per il terzo anno consecutivo, il progetto Bondzor, per coinvolgere bambini e bambine delle scuole in semplici ma importanti attività fisiche per tenere sveglia anche la mente.

Il progetto, approvato dall’Istituzione scolastica Mont-Émilius 3, da quest’anno vede la partecipazione anche delle scuole dell’infanzia alle camminate di 15 minuti svolte prima dell’inizio delle lezioni.

Le novità non finiscono qui: per gli alunni delle scuole primarie sono state anche ideate delle giornate ad hoc in cui sperimentare altri sport. Si è partiti il 16 novembre con il calcio, grazie all’Asd Charvensod, e si proseguirà con lo sci il 13 ed il 20 dicembre in collaborazione con i maestri della Scuola di sci di Pila e la Pila spa, e poi in primavera con l’atletica in collaborazione con l’Asd Atletica Sandro Calvesi.

I due anni di sperimentazione ci hanno restituito dati positivi, sia da parte degli alunni che delle insegnanti – commenta Francesca Lucianaz, Assessore alle Politiche Sociali, Istruzione e Salute. Si è riscontrata una maggiore attenzione in classe ed una maggiore resistenza nell’attività fisica, sviluppando negli alunni la consapevolezza dell’importanza dello sport per mantenere una mente efficiente e attenta. Bonzdor è un progetto su cui puntiamo per far star bene i nostri piccoli ma per il quale è fondamentale il sostegno di insegnanti e famiglie”.

red/ob

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore