/ Chez Nous

In Breve

lunedì 15 novembre
Pastrani rivoltati
(h. 08:00)
giovedì 11 novembre
Poltrona cercasi
(h. 07:00)
giovedì 04 novembre
venerdì 22 ottobre
lunedì 18 ottobre
sabato 09 ottobre
lunedì 04 ottobre
martedì 14 settembre
sabato 04 settembre
Buon lavoro sindaco
(h. 14:25)
mercoledì 11 agosto

Chez Nous | 01 novembre 2021, 08:00

Oggi qui domani là

Oggi qui domani là

Che fine ha fatto la Commissione Paritetica? Che fine hanno fatto i dossier tra i quali quello relativo all’equiparazione previdenziale e retributiva dei Vigili del Fuoco che interessa tante famiglie?

Forse che la politichetta regionale, impegnata ormai da mesi in zuffe da cortile sulla legittimità del nome da attribuire a un gruppo consiliare, si è dimenticata di trasmettere la documentazione alla Commissione stessa?

E’ indubbio che la politica valdostana è indaffarata con le tante inchieste giudiziarie che in questi ultimi anni l’hanno delegittimata, in molti casi a torto. Ma è altrettanto vero che ogni giorno di più la Valle d’Aosta sembra isolata da Roma. Eppure con il Governo centrale bisogna fare i conti.

La politichetta è presa da partiti che si formano gruppi del Consiglio Valle che si sfaldano, che si duplicano, gruppi ad personam. La politica valdostana diventa sempre più liquida, quasi impalpabile, sfuggente per non dire inesistente e indifferente ai problemi della Petite Patrie.

Due parlamentari, tre forze politiche presenti in Valle e al Governo centrale, ma chi in questo momento pare aver particolare attenzione per la Valle d’Aosta pare sia chi non siede in Consiglio Valle.

E’ un dato di fatto che sul fondo per lo sviluppo delle aree montane, istituito nei giorni scorsi presso il Dipartimento degli Affari regionali e le Autonomie del ministro Mariastella Gelmini, a prendersi in carico le richieste di attenzione della montagna e della Valle d’Aosta è stato direttamente Antonio Tajani sollecitato da Emily Rini, coordinatrice di Forza Italia VdA. Il fondo per lo sviluppo delle aree montane dispone di 100 milioni di euro per il 2022 e 200 milioni di euro dal 2023

E’ solo un esempio che evidenzia come in Valle in troppi abbiano perse idealità e progettualità perché sopraffatte dall’indifferenza. Le ragioni della crisi sono ormai datate: dalla delegittimazione dovuta a inchieste giudiziarie della magistratura ordinaria e contabile alle lotte contro le persone.

Come ha detto il poeta la parola chiave per capire la politica valdostana di oggi è sconnessione verso l'esterno, verso la società, verso i cittadini, verso la realtà drammatica di questa fase dove vince il tutti contro tutti, e tutti possono stare con tutti. Il tutto è al tempo stesso possibile e impossibile. Scissioni, ricomposizioni, divisioni, separazioni, movimenti ad personam è il frutto di questa stagione.

Il 4 Novembre è la Festa della dell’Unità Nazionale. Emilio Gentile disse che senza memoria, l'unità nazionale è in pericolo. Oggi, noi valdostani, possiamo dire che senza memoria è in pericolo la nostra Autonomia che deve essere rivisitata alla luce dell’evoluzione socio-politica-economia dell’Italia, dell’Europa e del mondo.

L’amico Gianfranco Fisanotti, con grande impegno e di questo lo ringrazio, sta ripercorrendo sul nostro giornale – tutti i giovedì - le tappe dell’Autonomia valdostana.

Leggendo i suoi articoli si scopre si scopre l'attualità tra la situazione pre e post 1947 con la situazione attuale. Allora la tensione morale, etica  ideologica era palpabile nelle azioni e nel pensiero; oggi l’aria che si coglie è quella dell’impreparazione, dell’assenza di idealità, della mancanza ideologica.

Non è un caso l’attualità di una canzone famosissima negli anni ’70:

Oggi qui Domani là
Io vado e vivo così
Senza freni
Vado e vivo così

Casa qui
Io non ho
Ma cento case ho
Oggi qui
Domani dove sarò

Qui e là
Io amo la libertà
E nessuno me la toglierà mai.

Il testo ben descrive per buona parte la politica valdostana segnata da tanta indifferenza e poco attaccamento alla Petite Patrie.

piero.minuzzo@gmail.com

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore