/ CRONACA

CRONACA | 17 aprile 2021, 10:30

A Martigny nasce un nuovo parco a tema dedicato ai «Barry»

Dal 2022 la Fondation Barry intende estendere esponenzialmente la «vetrina del cane nazionale svizzero», il Barryland di Martigny.

A Martigny nasce un nuovo parco a tema dedicato ai «Barry»

Il programma prevede un parco a tema di 20’000 m2 collegato all’edificio attuale, destinato a diventare un luogo d’incontro tra i San Bernardo e gli umani e un punto di riferimento tra i centri cinofili. La leggendaria storia del «Barry» e tutto ciò che c’è da sapere sui San Bernardo e il loro ruolo attuale verranno narrati a un vasto pubblico in modo interattivo, informativo e al naturale. La città e la regione di Martigny si arricchiscono così di una nuova attrazione turistica con un grande potenziale attrattivo.

In una conferenza stampa, la Fondation Barry ha annunciato il suo grande progetto «Parco a tema Barryland 2022-25», presentando il progetto che si è aggiudicato il relativo concorso architettonico, e ha inaugurato una nuova esposizione straordinaria che fornirà informazioni sul grande progetto del parco a tema fino alla sua apertura.

Le sale dell’attuale Barryland concedono poco spazio per nuove attrazioni e tra pochi anni non saranno più in grado di fare fronte al costante aumento del numero di visitatori. Per questo dal 2022 verrà ampliata la destinazione turistica esistente a Martigny (VS).

Tra un totale di sette concorrenti, è stato selezionato il progetto dell’ufficio di architetti Game di Martigny. La giuria era composta da specialisti provenienti da tutta la Svizzera, sotto la guida dell’architetto e presidente della commissione edilizia cantonale del Vallese, Pascal Varone. 18 team internazionali si sono dimostrati interessati all’appalto, ma la scelta finale è stata ristretta a sette tandem formati da un ufficio di architetti e un’agenzia di architettura paesaggistica.

A convincere la giuria sono stati la proposta di realizzazione di un polo museale attorno all’anfiteatro storico di Martigny e le forme architettoniche chiare, che ricordano gli edifici del Passo del Gran San Bernardo, luogo d’origine dei cani che ne hanno adottato il nome. L’attrazione centrale è un parco dall’aspetto naturale nel quale sarà possibile osservare i cani in azione.

«Il Barry non è un eroe della Marvel, ma piuttosto una testimonianza della nostra coscienza storica collettiva», ha dichiarato Michaël Darbellay dell’agenzia Game. «Per tributare al cane nazionale svizzero tutti gli onori che merita non volevamo una creazione pretenziosa, ma un’architettura discreta e integrata in una topografia forte che determina il benessere di questa razza davvero speciale». I luoghi e gli edifici storici attorno al Barryland attuale verranno sfruttati per un parco con una struttura versatile.

Il presidente della giuria Pascal Varone, presente alla conferenza stampa, ha incensato il progetto vincitore nel suo discorso: «Ha davvero soddisfatto i criteri che avevamo stabilito per giudicare il progetto, cioè l'adeguatezza del progetto a tutti gli studi che erano stati fatti, alla filosofia e il funzionamento stesso di quello che doveva essere questo parco a tema. L'attrattiva di questo progetto ci ha attirato molto chiaramente.» La nuova vetrina per questo simbolo culturale svizzero sorgerà su una superficie di 20’000 m2, pari a circa tre campi da calcio. Il terreno è stato concesso alla fondazione dalla città di Martigny con la formula del diritto di superficie. Il progetto ruoterà interamente attorno alle esigenze dei San Bernardo e a un allevamento e una tutela a regola d’arte.

I cani dovranno poter stare bene e disporre di spazio sufficiente per spostarsi come preferiscono, ma anche per ritirarsi e riposare. Il nuovo parco a tema intende porsi come luogo d’incontro tra cani e persone e come centro canino d’eccellenza, nel rispetto degli animali e delle loro esigenze. La prossima tappa per la realizzazione di questo grande progetto sarà la presentazione della domanda di costruzione.

Con il nuovo «Parco a tema Barryland 2022-25», la città di Martigny e la sua regione ottengono una nuova attrazione turistica con un grande potenziale attrattivo in tutta la Svizzera e nei paesi limitrofi. «Per la città di Martigny è un luogo particolarmente interessante: abbiamo un ambiente verde, la Fondazione Gianadda e un patrimonio archeologico. Il nuovo parco a tema Barryland valorizzerà ulteriormente questo centro museale», secondo Anne-Laure Couchepin Vouilloz, presidente del comune di Martigny.

Il nuovo Barryland permetterà non solo di incontrare da vicino i San Bernardo, ma anche di presentare a un pubblico più ampio la storia di questi cani leggendari, lo sviluppo della razza e il loro ruolo nel corso dei tempi in maniera pedagogica, ludica e interattiva; un modo di presentare ai visitatori in maniera divertente delle informazioni esatte su questi animali davvero speciali. Christophe Darbellay, presidente del Consiglio di Stato vallesano, ha detto nel suo discorso che «il turismo culturale sta diventando molto importante, è una tendenza internazionale. Penso che anche il Vallese debba posizionarsi con offerte attraenti e qui abbiamo la fortuna di avere una vera storia da raccontare, una storia che non è stata inventata ed è circondata da leggende».

In contemporanea, la conferenza stampa è servita anche per inaugurare l’esposizione speciale «I Barry presentano il loro nuovo parco» nel museo del Barryland attuale. La mostra è accessibile già ora al pubblico e verrà integrata costantemente.

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore