/ CRONACA

CRONACA | 27 gennaio 2021, 16:24

L'impresario Federico Jacquin condannato per bancarotta fraudolenta

Federico Jacquin

Federico Jacquin

Il fallimento dell'impresa edile 'Jacquin Costruzioni Srl', decretato nel settembre del 2017, sarebbe stato causato da una bancarotta fraudolenta per la quale l'amministratore unico dell’azienda, ovvero l'imprenditore 72enne Federico Jacquin, di Issogne, è stato condannato a 4 anni e 6 mesi di carcere.

La sentenza è stata emessa oggi mercoledì 27 gennaio dal tribunale di Aosta dal collegio giudicante presieduto da Eugenio Gramola, giudici a latere Luca Fadda e Maurizio D’Abrusco; a Jacquin è stato anche ordinato di risarcire la procedura fallimentare (curatore Ivano Pagliero, parte civile avvocato Corrado Bellora del foro di Aosta) con la somma di 3 milioni e 385mila euro. L'imputato è stato anche dichiarato interdetto dai pubblici uffici per cinque anni e per lo stesso periodo di tempo è inabilitato all'esercizio di imprese commerciali.

Per il pm Luca Ceccanti, l'au della Jacquin Costruzioni avrebbe realizzato negli anni una serie di operazioni contabili infragruppo con società da egli stesso costituite allo scopo di distrarre ingenti fondi dalle casse dell'impresa, intascando anche direttamente denaro destinato ad altre spese; il tutto per un passivo che ad oggi ammonterebbe a circa otto milioni di euro.

 

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore