/ CULTURA

CULTURA | 20 novembre 2020, 09:47

Associazione valdostana 'Ana Moise' fra promotori del network 'Guariamoli'

Un gruppo di volontarie e volontari di 'Ana Moise' (immagine di archivio)

Un gruppo di volontarie e volontari di 'Ana Moise' (immagine di archivio)

C'e' anche l'associazione onlus valdostana 'Ana Moise' tra le sette organizzazioni di volontariato che hanno dato vita a 'Guariamoli', il network di onlus italiane costituitosi di fatto con l'obiettivo di aiutare le giovani vittime di situazioni di emergenze cliniche di tutto il mondo a trovare il centro di cura piu' adatto in Italia.

 

 

Nata da un'idea del Cimic Health Team (Cooperazione Civile e Militare del contingente militare in Kosovo), e in particolare dell'ex Tenente Carmelo Chiolo (oggi entrato in seminario), ''Guariamoli'' riunisce al momento, oltre all'associazione Ana Moise di Aosta , anche le onlus Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin di Trieste, Kim e Ministri degli Infermi - Religiosi Camilliani entrambe di Roma, Famiglia Dovuta di Bari, Il Castello dei Sorrisi di Verona, Cosmohelp di Faenza.

 

 

Punto di forza del neetwork di onlus e' la tempestivita' d'azione, perche' dal momento della segnalazione alla presa in carico del bambino possono passare anche solo 48 ore. Un esempio recente: il trasferimento negli ospedali di Padova di due bambini kosovari ustionati dallo scoppio di una bombola di gas, realizzato grazie alla collaborazione di Kfor Italia e dell'Ambasciata Italiana a Pristina e Aeromed.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore