/ CRONACA

CRONACA | 20 novembre 2020, 09:28

Aosta: Caos alla scuola San Francesco, bimbi pronti a entrare in classe ma non ci sono gli insegnanti

L'assessore Caveri, 'stiamo verificando quanto accaduto, pronti ad agire con esposto nei confronti di chi si fosse reso inadempiente ai propri obblighi senza una reale e motivata giustificazione'

Studenti e genitori all'ingresso della San Francesco (immagine di repertorio)

Studenti e genitori all'ingresso della San Francesco (immagine di repertorio)

Bambini con i loro zainetti d'ordinanza accompagnati dai genitori, intere classi di alunni pronti a tornare sui banchi dopo oltre una settimana di Dad, questa mattina all'ingresso della scuola primaria San Francesco di Aosta.  Alle 8,10, la doccia gelata arriva per bocca di un incolpevole bidella: "Dovete tornare a casa, a scuola può entrare solo una classe quarta, l'unica che ha i docenti (sei su 27 totali) disponibili...".

Ma cos'è successo? Al mattino di giovedì 19 una circolare ha informato le famiglie che a fronte dell'esito negativo dei tamponi rapidi Covid da eseguire alla Pèpiniere i bambini sarebbero potuti rientrare regolarmente in classe da oggi venerdì 20 novembre. Immediatamente i genitori si sono organizzati e ieri decine di alunni della San Francesco si sono recati a fare i tamponi. Tutti negativi, bene, si torna a scuola. Invece questa mattina l'amara sorpresa: dopo l'annuncio della bidella agli sbigottiti genitori all'ingresso della scuola è comparsa la dirigente didattica che ha riferito dell'assenza di 21 insegnanti delle classi seconde, terze e quinte, che a suo dire non erano stati informati della ripresa delle lezioni e quindi non hanno fatto i tamponi o almeno questo è quanto i docenti avrebbero spiegato con alcune mail inviate alla segreteria della scuola a conferma del fatto che oggi sarebbero stati assenti. I familiari degli studenti se lo sono fatto ripetere due volte, poi di fronte all'inevitabile han fatto dietrofront e tutti sono tornati a casa, fra lo stupore e la rabbia generale. Sul posto è arrivato l'assessore all'Istruzione del Comune di Aosta, Samuele Tedesco, che ha solo potuto prendere atto della situazione non avendo competenze amministrative per intervenire.

"Insieme alla Sovrintendenza agli Studi stiamo verificando con la massima attenzione quanto accaduto questa mattina alla 'San Francesco' - assicura l'assessore regionale all'Istruzione, Luciani Caveri - ho già informato l'avvocatura regionale dell'eventualità di avviare un esposto nei confronti di chi si fosse reso inadempiente ai propri obblighi senza una reale e motivata giustificazione. Una volta ben chiarito il quadro della situazione, agiremo di conseguenza".

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore